Home
Elezioni Consiglio delle Autonomie Locali E-mail
Martedì 22 Novembre 2016 11:08

Il 21 novembre 2016 si sono svolte in Consiglio regionale le elezioni del Consiglio delle Autonomie locali. Sono componenti di diritto

Sindaco Cagliari

Massimo Zedda

Sindaco Sassari

Nicola Sanna

Sindaco Nuoro

Andrea Soddu

Sindaco Oristano

Andrea Lutzu che sostituisce Guido Tendas, decaduto per scadenza del mandato (decreto presidente della Regione Sardegna n 64 del 13 luglio 2017

Sindaco Carbonia o Iglesias

Paola Massidda o Emilio Agostino Gariazzo

Sindaco Villacidro o Sanluri

Marta Cabriolu o Alberto Urpi

Sindaco Olbia o Tempio

Settimo Nizzi o Andrea Mario Biancareddu

Sindaco Tortoli o Lanusei

Giampaolo Massimo Cannas o Davide Ferreli

Ai componenti di diritto si andranno ad aggiungere quattro sindaci eletti nel

 

Collegio unico regionale per i comuni con popolazione superiore ai 10mila abitanti.

Questo l'esito delle votazioni:

Risultano eletti: Stefano Delunas (Quartu) 3 voti, Giuseppe Morghen (Sorso) 2 voti, Tomaso Locci (Monserrato) 2 voti e Luca Carlo Montella (La Maddalena) 1 voto che sostituisce Pietro Paolo Piras (Terralba) 1 voto, decaduto per scadenza del mandato (decreto presidente della Regione Sardegna n 64 del 13 luglio 2017s.

Non risultano eletti: Cappai Gianfranco, 1 voto, Pulga Laura, 1 voto.

 

24 sindaci eletti, nei rispettivi collegi di appartenenza con questi risultati.

 

Collegio di Sassari

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Gianfranco Soletta (Thiesi) 8 voti. Non risulta eletto Sau Antonio con 4 voti.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Gianfranco Satta (Tergu) 19 voti e Sabrina Sassu (Cossoine) 6 voti.

Collegio di Cagliari:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Salvatore Mattana (Sarroch) 9 voti. Non risulta eletto Contini Emidio 7 voti.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Stefano Soro (San Nicolò Gerrei) 17 voti e Alessandra Corongiu (Pimentel) 9 voti. Non risultano eletti: Madeddu Marina 7 voti, Cappai Antonio 2 voti.

Collegio di Nuoro:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletta è Daniela Falconi (Fonni) 3 voti. Non risulta eletto Canzano Nino con 1 voto.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Franco Saba (Ottana) 11 voti e Gianluigi Littarru (Desulo) 8 voti. Non risulta eletta Satgia Daniela con 6 voti.

Collegio di Oristano:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletta è Manuela Pintus (Arborea) 5 voti. Non risulta eletto Antonello Figus 1 voto.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Anita Pili (Siamaggiore) 19 voti e Lino Zedda (Baradili) 16 voti. Non risulta eletto Kamel Hassan Omar Ali 6 voti.

Collegio Carbonia Iglesias:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Giorgio Alimonda (Portoscuso) 6 voti. Non risulta eletto Porrà Debora con 1 voto.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Mariano Cogotti (Piscinas) 8 voti e Laura Capelli (Buggerru) 2 voti.

Collegio di Lanusei-Tortolì:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Salvatore Corrias (Baunei) 3 voti.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Roberto Uda (Loceri) 4 voti e Franco Tegas (Talana) 3 voti.

Collegio Sanluri-Villacidro:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Roberto Montisci (Sardara) 5 voti.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Francesco Cotza (Setzu) 6 voti e Fernando Cuccu (Villamar) 5 voti.

Collegio Olbia-Tempio:

  • comuni con popolazione compresa tra i 3.001 e 10mila abitanti l’eletto è Pietro Sircana (Oschiri) 3 voti.
  • Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti sono eletti: Antonio Tirotto (Aglientu) 6 voti e Antonio Satta (Padru) 4 voti.
 
lunedì 21 novembre convocati i comizi elettorali per il rinnovo del Consiglio delle Autonomie Locali E-mail
Lunedì 24 Ottobre 2016 09:45

Convocata per lunedì  21 novembre 2016 presso il Consiglio regionale (Via Roma 25, Cagliari), dalle ore 9 alle ore 13, l'assemblea dei sindaci per l'elezione dei componenti elettivi del Consiglio delle autonomie locali.

 

Questo il testo della convocazione inviata ai sindaci dal Presidente del Consiglio regionale dela Sardegna

 

 

Cagliari 21 ottobre 2016

Ai sindaci

Loro sedi

 

Oggetto: Consiglio delle autonomie locali - CONVOCAZIONE

 

Facendo seguito alle precedenti note n. 7169 del 19 luglio 2016 e n. 8185 del 1° settembre 2016, questa Presidenza comunica che l'assemblea dei sindaci per l’elezione dei componenti elettivi del Consiglio delle Autonomie locali è convocata, presso la sede del Consiglio regionale della Sardegna (via Roma n. 25, Cagliari), lunedì 21 novembre 2016, alle ore 9 e che i seggi resteranno aperti fino alle ore 13.   

 
Si ricorda che, ai fini dell'accreditamento, è necessario che i sindaci partecipanti siano muniti di un valido documento di identificazione e che trattandosi di "assemblea di sindaci" l’esercizio del diritto di voto non è delegabile dal sindaco, né sono ammesse altre figure istituzionali.

 

Questa presidenza, inoltre, al fine di fornire una preventiva informazione su alcuni aspetti della vigente normativa regionale in materia precisa che:

  1. Trattandosi di “assemblea di sindaci” l’esercizio del diritto di voto non è delegabile dal sindaco, ne sono ammesse altre figure istituzionali;
  2. Al fine di attuare il principio di parità fra uomini e donne il genere meno rappresentato, calcolato in percentuale sulla base di una rappresentanza che non può essere inferiore alla percentuale di eletti alla carica di sindaco nell’insieme dei comuni della Sardegna, deve essere complessivamente di almeno 7 unità; in considerazione della presenza di due unità del genere meno rappresentato tra i componenti di diritto di cui alla lett. b) dell’art. 3 della legge regionale n. 1 del 2005, il medesimo genere deve necessariamente essere rappresentato da almeno 5 componenti eletti fra i sindaci di cui alle lettere c), d) ed e) del comma 1 dell’art. 3 della medesima legge regionale;
  3. La mancata elezione di almeno tali 5 unità comporta l’applicazione della disposizione di cui al comma 5 dell’art. 4 della legge regionale n.1 del 2005;
  4. La presente comunicazione è inviata, per conoscenza, anche ai sindaci indicati nella lett. b) dell’art. 3 della legge regionale n. 1 del 2005 che, in quanto membri di diritto, non hanno diritto di voto.

Cordiali saluti

Il presidente

Gianfranco Ganau

 
Corte dei Conti Sardegna deliberazione 132-2016 E-mail
Mercoledì 09 Novembre 2016 08:55

Diritti di rogito ai segretari comunali, art. 10, comma 2 bis, del decreto legge n. 90/2014.

 

La Corte dei Conti sezione regionale di controllo per la Sardegna con la deliberazione n. 132/2016/PAR del 08 novembre 2016 ha risposto al comune di Telti che chiedeva un parere in merito all’interpretazione dell’art. 10, comma 2 bis, del decreto legge n. 90/2014 chiedendo in particolare se “spetta la liquidazione dei diritti di rogito ai segretari comunali collocati nella fascia professionale B che prestano servizio e rogano contratti nell’interesse di enti locali sprovvisti di personale con qualifica dirigenziale”.

 

La Corte ha precisato che, la Sezione di controllo della Corte dei conti dell’Emilia Romagna, con la deliberazione n. 74/2016/PAR del 15 settembre 2016, ha ricostruito l’iter di approvazione della norma e ha analizzato le due diverse interpretazioni sopra richiamate, giungendo alla conclusione di “confermare l’orientamento esplicitato secondo i principi stabiliti in sede nomofilattica dalla Sezione delle Autonomie”, considerato che mentre ai segretari di fascia A e B spetta in ogni caso il trattamento economico equiparato a quello dei dirigenti, per i segretari di fascia C l’equiparazione si realizza soltanto se nella struttura organizzativa sono presenti dirigenti …. Ne consegue che i segretari di fascia C, che operano in comuni con presenza di dirigenti, finiscono per godere di retribuzione più elevata rispetto ai pari fascia titolari di sedi di comuni nei quali non vi siano dirigenti”.

Con riguardo al quesito posto dal Comune di Telti, questa Sezione di controllo non si discosta dall’interpretazione fornita con valore nomofilattico dalla Sezione delle Autonomie nella delibera 21 del 2015, e dalla successiva prospettazione confermativa contenuta nella deliberazione n. 74/2016/PAR della Sezione di controllo dell’Emilia Romagna.

 

Deliberazione n. 132/2016/PAR del 08 novembre 2016

 
Corte dei Conti Sardegna deliberazione 125-2016 E-mail
Venerdì 28 Ottobre 2016 07:15

La composizione degli organi di governo degli Enti Locali della Sardegna è regolata dalle vigenti disposizioni dell’art.1 della L.R. 22 febbraio 2012 n.4, non inciso dalla riforma degli Enti Locali intervenuta con la L.R. 4 febbraio 2016, n.2. Per essi non trovano pertanto applicazione le previsioni di cui all’art.1, commi 135 e 136 della legge 24 aprile 2014, n.56.


La Corte dei Conti sezione regionale di controllo per la Sardegna con la deliberazione n. 125/2016/PAR del 27 ottobre 2016 ha risposto al comune di Sanluri che chiedeva un parere in merito all’applicabilità, agli Enti Locali della Sardegna, delle disposizioni di cui all’art.1, comma 136, della legge 24 aprile 2014, n.56, il quale prevede l’invarianza della spesa a carico dei Comuni per i quali trovi applicazione, in punto di composizione degli organi istituzionali, il precedente comma 135”.

La Corte ha precisato che, come correttamente ha rilevato il Consiglio delle Autonomie Locali che la composizione degli organi di governo degli Enti Locali della Sardegna è regolata dalle vigenti disposizioni dell’art.1 della L.R. 22 febbraio 2012 n.4, non inciso dalla riforma degli Enti Locali intervenuta con la L.R. 4 febbraio 2016, n.2, come reso palese dalle disposizioni dell’art.34 della medesima legge (che ha provveduto alla modifica del solo secondo comma dell’art.1 L.R. n.4/2012). Non trova pertanto applicazione l’art.1, comma 135, in premessa richiamato.

Da quanto sopra deriva, conseguentemente, anche l’’inapplicabilità delle disposizioni del successivo comma 136, il quale presuppone, appunto, la rideterminazione del numero dei consiglieri ai sensi delle citate disposizioni.


Deliberazione n. 125/2016/PAR del 27 ottobre 2016

 
Eletto il Consiglio metropolitano E-mail
Lunedì 24 Ottobre 2016 09:42

Previsioni rispettate: la lista "Centrosinistra metropolitana" ha vinto ieri le elezioni per il rinnovo del Consiglio metropolitano, conquistando 7 dei quattordici seggi che compongono l'Assemblea della Città metropolitana.

 

Cinque li ha ottenuti la lista di centrodestra "Città in cantiere", uno rispettivamente il "Movimento 5 Stelle" e la lista sardista "Bandelas". Fanno parte del Consiglio i Democratici della lista vincitrice Francesco Lilliu (6764 voti), Fabrizio Rodin (6071), Valter Piscedda (5594), Fabrizio Marcello (5490), Michela Mura (5426), l'esponente di Sel Andrea Dettori (5394) e del Partito dei Sardi Paolo Nicola Schirru (3964 voti). Per il centrodestra di "Città in cantiere" sono stati eletti i riformatori Gabriella Mameli (7156 preferenze "ponderali", la più votata delle elezioni, avvenute nel seggio di palazzo Regio dove a tarda notte si è svolto lo scrutinio) e Salvatore Zuddas (5 mila), Stefano Schirru (4756), Davide Galantuomo (4130) e Martino Sarritzu (3784 voti). Per il Movimento 5 Stelle eletto Simone Carta(3669 voti), per "Bandelas" il sardista Antonino Lobina (4930 voti).

 

Fonte: Pietro Picciau Unione Sarda

 
Enti locali: Assunzioni nei comuni della Regione Autonoma della Sardegna E-mail
Giovedì 08 Settembre 2016 09:31

L’Assessorato regionale degli enti locali, finanze ed urbanistica comunica che nel sito Sardegna Autonomie sono pubblicate la nota protocollo n. 42335 dell’11 agosto 2016 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica e la comunicazione prot. n. 22407 dell’8 giugno 2016 della Direzione generale enti locali e finanze, concernenti il ripristino dell'ordinario regime delle assunzioni negli Enti Locali della Sardegna.


Leggi le note

Comunicazione Direzione generale enti locali e finanze n. prot. 22407 dell’8 giugno 2016 inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica
Oggetto: Legge regionale 4 febbraio 2016, n. 2 “Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna”. Comunicazione

Nota prot. n. 42335 dell’11 agosto 2016 della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica
Oggetto: Assunzioni e mobilità regioni e enti locali

 
CLISEL - general assembly 9 settembre 2016 E-mail
Lunedì 05 Settembre 2016 11:36

Climate Security with Local Authorities (CLISEL) From insecurity takers to security makers: mobilizing local authorities to secure the EU against the impacts of climate change in Third Countries

logo_clisel

 

Comunicato CLISEL

 

Il 9 settembre 2016 alle h. 9,30 presso il Dipartimento di Giurisprudenza si terrà un incontro sul progetto Horizon 2020 Clisel, “Climate security with local government. From insecurity takers to security makers: mobilizing local authorities to secure the European Union against the impacts of climate change in third countries

Il progetto, partito il 1 maggio 2016 che avrà durata triennale, è coordinato dall’Università di Cagliari e mira a studiare il modo in cui i sindaci possono affrontare le sfide poste dalle immigrazioni. Tra le peculiarità del progetto vi è quella di concentrarsi sul cambio climatico come fattore di migrazione: determinando disastri naturali, inondazioni e siccità, il cambio climatico è diretta causa di carestie, alterazioni nel tessuto economico e spesso di guerre che innescano e innescheranno significativi spostamenti delle popolazioni. L’aspetto innovativo del progetto è quello di concentrarsi sul livello di governo comunale che è quello chiamato a gestire nel concreto le conseguenze dell’immigrazione, come i recenti sbarchi in Sardegna dimostrano. Il team di ricerca dialogherà, tramite workshop e altre iniziative, con i 377 Comuni sardi con lo scopo finale di elaborare un modello pilota basato sull'esperienza sarda, da presentare a conclusione del progetto alle istituzioni europee e internazionali che si occupano di immigrazione e cambio climatico.

L’incontro si svolge in occasione della visita presso l’Università di Cagliari dei partner del progetto: il prof. Marco Armiero direttore dell’Environment Humanities Laboratory di Stoccolma, il dott. Giovanni Bettini docente presso l'Università di Lancaster, la prof.ssa Elisa Fornalè docente presso il World Trade Institute dell'Università di Berna, e il dott. Luigi Mossa responsabile amministrativo del Consiglio delle Autonomie locali Sardegna.

All’incontro saranno presenti il prof. Luigi Raffo, Delegato del Rettore ai progetti di ricerca internazionali e la dott.ssa Simona Scalas Responsabile del settore assistenza tecnica ai progetti di ricerca europei e del Nord-America (Ufficio Europa) che illustreranno le linee progettuali dell’Università di Cagliari; il prof. Fabio Botta, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza; la prof.ssa Ilenia Ruggiu docente di diritto costituzionale del Dipartimento di Giurisprudenza, che coordina il progetto e il prof. Roberto Cherchi, docente di diritto costituzionale del Dipartimento di Giurisprudenza, membro dell’unità di ricerca di Cagliari.

 

"Il progetto ha ricevuto un finanziamento da Horizon 2020, programma di ricerca e innovazione H2020-DRS-2015 dell'Unione Europea, con la convenzione di sovvenzione n ° 700.385 "Progetto CLISEL, la sicurezza climatica e gli Enti Locali"

 
patto di collaborazione E-mail
Giovedì 08 Settembre 2016 09:01

Patto di collaborazione fra comuni ed enti sulle politiche europee. Nuoro 6 settembre 2016

Si è svolta ieri mattina a Nuoro la prima assemblea del patto di collaborazione sui fondi europei denominato "Avviciniamoci all’Europa». All'ordine del giorno la costituzione di un organismo di coordinamento, la programmazione e il calendario dele attività. il patto, aperto a tutti i comuni della Sardegna, è già stato sottoscritto da trenta comuni, dall'associazione Aegee di Cagliari (Associazione degli stati generali degli studenti dell’Europa) e dall’associazione Focus Europa.

La seduta, presieduta dal sindaco di Nuoro Andrea Soddu, svoltasi nella sala delle rappresentanze del Comune di Nuoro, ha visto la partecipazione di numerosi sindaci e loro delegati, provenienti da diverse zone della Regione. Presenti, per il comune di Bortigiadas il sindaco Emiliano Deiana e l’assessore, Valeria Finà, Gigi Littarru, sindaco di Desulo, Omar Aly Kamel Hassan, sindaco di Modolo, Stefania Piras, sindaco di Oniferi, l’assessore Chiara Carta e Roberto Carta per il Comune di Oschiri con delega del sindaco, Pietro Sircana, Giuseppe Cappai, presidente dell’Associazione Focus Europe e delegato del sndaco di Sant’Andrea Frius, Simone Melis, Antonio Flore sindaco di Scano Montiferro, Gianbattista Ledda, sindaco di Sennariolo, Francesco Pileri delegato del sindaco di Tergu, Gianfranco Satta, Gianfranco Soletta sindaco di Thiesi, Albino Porru sindaco di San Basilio.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 65