Home Ultime Audizione in Consiglio Regionale sulla Legge Urbanistica Regionale
Audizione in Consiglio Regionale sulla Legge Urbanistica Regionale PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 10:40
Il C.A.L. e l'ANCI giudicano positivo l'esito dell'incontro e vi partecipano rimarcando in maniera costruttiva i punti critici del Dl I rappresentati degli Enti locali e dell'ANCI nell’esprimere un giudizio positivo per l'incontro svoltosi, restano fiduciosi nei risultati dell’incontro ma anche attenti all’esito per le valutazioni finali. Infatti l'atteggiamento di critica costruttiva e le posizioni propositive portate in Consigli Regionale devono necessariamente portare ad un esito positivo a conclusione dell'iter legislativo

Il Consiglio delle Autonomie Locali della Sardegna e l'ANCI Sardegna hanno partecipato in data odierna ad un incontro in audizione con la IV Commissione Consiliare Permanente Regionale analizzando il testo unificato sulla disciplina di governo del territorio regionale (la cosiddetta Legge urbanistica).

I rappresentati degli Enti Locali riprendendo le critiche e le osservazioni fatte dal Consiglio delle Autonomie Locali nel proprio parere del 17 luglio 2008 e dall'ANCI, in sede di prima stesura del provvedimento, hanno chiesto sostanziali modifiche coerenti con il principio di equiordinazione, sussidiarietà adeguatezza e differenziazione. Esemplare l’art. 25 del testo che prevede le direttive. Il Consiglio delle Autonomie Locali e l'ANCI hanno ribadito unitariamente che Comuni e Province non sono Enti sottoposti alla Regione e hanno chiesto il rispetto dei principi contenuti nel Titolo V della Costituzione che devono trovare attuazione soprattutto negli strumenti di co-pianificazione.

Per le Autonomie locali, i provvedimenti legislativi e in particolare la legge urbanistica, devono attuare la rivoluzione culturale recepita dalla Costituzione, ossia che i Comuni e le Province hanno raggiunto la piena maturità per un corretto governo del territorio con il coinvolgimento di tutti gli enti protagonisti.

I rappresentati degli Enti locali e dell'ANCI nell’esprimere un giudizio positivo per l'incontro svoltosi, restano fiduciosi nei risultati dell’incontro ma anche attenti all’esito per le valutazioni finali.