Home Ultime Oggi il voto di fiducia sul maxiemendamento. Il dl incentivi incassa il primo sì
Oggi il voto di fiducia sul maxiemendamento. Il dl incentivi incassa il primo sì PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 10:44

Inizieranno oggi alle 16.35 le votazioni sulla fiducia posta dal governo al dl incentivi nell'aula della camera. Dopo la fiducia, l'esame del decreto continuerà a oltranza in serata, se necessario con seduta notturna, per consentire la completa illustrazione degli ordini del giorno e l'espressione del pareri dell'esecutivo. I lavori riprenderanno quindi lunedì (venerdì non c'è seduta per l'assemblea nazionale dell'Udc) per votare gli odg e il via libera finale al provvedimento, che dovrà poi andare in Senato per essere convertito in legge entro il 12 aprile.

 

L'articolo completo di Valerio Stroppa pubblicato da Italia Oggi è inserito nella Rassegna Stampa presente nell'area Ufficio Stampa

 

LE MISURE IN PILLOLE

Rottamazione ciclomotori

L’incentivo di 500 euro per la sostituzione di ciclomotori e motocicli si applica anche per l’acquisto di motocicli con potenza non superiore a 60 kW, indipendentemente dalla cilindrata, purché di categoria «euro 3».

Distretti produttivi e detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

Introdotte agevolazioni fiscali e burocratiche per le reti e i distretti di imprese. I benefici si applicano alle aziende che si impegnano a non delocalizzare al di fuori dei paesi membri dello Spazio economico europeo la produzione di beni per i quali sono previsti gli incentivi. L’efficacia di tale norma, però, è subordinata alla preventiva autorizzazione dell’Unione europea. Il ministero dello sviluppo economico promuoverà poi la firma di un protocollo d’intesa con i soggetti delle filiere produttive e distributive, in relazione al mantenimento dei livelli occupazionali, ai termini di pagamento nei rapporti interni alle filiere e per le iniziative promozionali per stimolare la domanda e migliorare l’offerta anche dei servizi di assistenza e manutenzione.

Iva per cassa ai fornitori di imprese in amministrazione straordinaria

Viene prevista la possibilità di estendere il regime Iva ad esigibilità differita ad altre fattispecie con particolare riferimento ai fornitori delle imprese in amministrazione straordinaria di cui al dlgs n. 270/1999.

Fondo per l’estensione dei debiti pregressi

Sull’estinzione dei debiti pregressi delle amministrazioni centrali viene estesa la normativa vigente per i crediti maturati nei confronti dei ministeri al 31 dicembre 2007 anche a quelli maturati al 31 dicembre 2008. Prevista, inoltre, un’attività di analisi e revisione delle procedure di spesa per evitare la formazione di nuove situazioni debitorie.

Export Arrivano 300 milioni per sostenere le attività di credito alle esportazioni.

Riconversione centrali Niente più vincoli per la riconversione delle centrali elettriche a carbone, purché si abbattano le loro emissioni di almeno il 50%.

Controlli f scali

Arrivano 4 milioni di euro annui in più per il 2009 e per il 2010 per potenziare il contrasto all’evasione e all’elusione fiscale, con particolare riferimento alle spese relative all’addestramento e alla formazione del personale del ministero dell’economia.

Incentivi alle imprese

Almeno 10 milioni di euro destinati alle imprese operanti nei distretti industriali della concia, del tessile e delle calzature dove siano state realizzate opere di carattere collettivo per lo smaltimento o il riciclo dei rifiuti e la depurazione di almeno il 95% delle acque industriali.

Opa totalitaria

Per tutelare le imprese in difficoltà dalle manovre speculative, l’obbligo di lanciare un’offerta scatta in caso di acquisti superiori al 5% da parte di coloro che detengono una partecipazione di almeno il 30% senza disporre dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria. Cambia l’articolo 2357 del codice civile: il tetto massimo all’acquisto di azioni proprie modificato dal 10% al 20% del capitale sociale. Le società potranno quindi acquistare un maggior numero di azioni proprie, fino a un quinto del capitale sociale.

Tutela dell’occupazione

Autorizzato il pagamento diretto da parte dell’Inps contestualmente all’autorizzazione del trattamento di cassa integrazione straordinaria, salvo possibilità di revoca nel caso in cui il servizio competente accerti l’assenza di difficoltà finanziaria dell’impresa.

Enti locali

Modifiche sul Patto di stabilità interno per le regioni e gli enti locali, finalizzate a sanare le difficoltà operative emerse con riferimento alle spese di investimento degli enti territoriali che, in base alla disciplina attuale, rientrano nei vincoli del Patto di stabilità interno, nonché a consentire la realizzazione degli ammortizzatori sociali necessari a fronteggiare l’attuale crisi economica, come previsto nell’accordo governo-regioni del 12 febbraio scorso.

Riscossione crediti Inps

Velocizzate le procedure di riscossione dei crediti Inps. Agli agenti della riscossione viene affidata la prosecuzione dei procedimenti esecutivi relativi a crediti cartolarizzati e ceduti dall’Inps già oggetto di procedimenti civili di cognizione ordinaria e di esecuzione

Istruzione

Arrivano 400 milioni per il 2009 da utilizzare per il finanziamento di interventi urgenti e indifferibili, con particolare riguardo ai settori dell’istruzione e agli interventi organizzativi connessi a eventi celebrativi.

Fondo di garanzia per le pmi

Esteso l’ambito di intervento del fondo di garanzia, anche per consentire alle pmi di rinegoziare i debiti contratti con il sistema bancario, attualmente in essere, e di assolvere agli obblighi di carattere tributario e contributivo

Tutela obbligazionisti Alitalia

Vengono stanziati 100 milioni di euro per l’anno 2012 per rimborsare gli obbligazionisti di Alitalia. I titolari dei titoli «Alitalia 7,5% 2002-2010 convertibile » potranno cedere i bond al ministero dell’economia, in cambio di titoli di stato di nuova emissione, senza cedola, con scadenza 31 dicembre 2012 e con taglio minimo unitario di mille euro. I titoli saranno ceduti a un corrispettivo determinato sulla base del prezzo medio di borsa delle obbligazioni nell’ultimo mese di negoziazione, ridotto del 50%. Ciascun obbligazionista potrà ricevere al massimo 100 mila euro.

Quote latte Vengono inglobati nel dl incentivi, seppur non integralmente, i contenuti del provvedimento sulle quote latte, in fase di conversione alla camera.