Home Ultime Cassa integrazione per i lavoratori Tirrenia
Cassa integrazione per i lavoratori Tirrenia PDF Stampa
Giovedì 13 Gennaio 2011 11:18

È stato raggiunto, senza la firma della Filt Cgi

 

 

È stato raggiunto, senza la firma della Filt Cgil, l'accordo per la cassa integrazione straordinaria per i lavoratori di Tirrenia. La Cigs coinvolgerà al massimo 100 marittimi compresi, come richiesto dai sindacati, i lavoratori del turno particolare.

 

L'INTESA. L'accordo tuttavia non è bastato a scongiurare lo sciopero di 24 ore in programma domani (leggasi oggi), proclamato da tutti i sindacati anche per ribadire la necessità di un incontro con il Governo. La cigs partirà dopo la sottoscrizione dell'accordo in sede ministeriale, che le parti si sono impegnate a firmare entro il 24 gennaio, e durerà fino al 31 maggio. L'accordo raggiunto ieri, nel corso dell'ennesimo incontro tra Tirrenia, Fedarlinea (l'associazione di categoria delle compagnie) e i sindacati per raggiungere un'intesa sulla procedura di cigs decisa dalla compagnia marittima, è stato però sottoscritto senza la Filt Cgil.

 

Questo perché, secondo il sindacato, per quanto riguarda il metodo, sono stati forzati i tempi, e per quanto concerne il merito, tra l'altro non è stata risolta la questione della Bari-Durazzo. Soddisfatte invece le altre sigle, che sottolineano l'importanza dell'estensione della cassa ai lavoratori in turno particolare. Le organizzazioni sindacali - si legge nel testo dell'accordo - pur restando contrarie «alla decisione aziendale di sospendere la linea Bari-Durazzo e al conseguente ricorso alla cigs per i marittimi», hanno ritenuto «necessario garantire anche ai lavoratori iscritti nel turno particolare il sostegno al reddito con la cigs».

 

LO SCIOPERO. Lo sciopero di 24 ore dei lavoratori della compagnia, proclamato dai sindacati dei trasporti, coinvolgerà tutti gli amministrativi mentre, per quanto riguarda i collegamenti, resteranno ferme solo due navi passeggeri la Napoli-Palermo (e ritorno) e la Napoli-Cagliari (e ritorno), entrambe in partenza in serata. Avrebbe dovuto essere coinvolta anche la linea Bari-Durazzo, che però è già ferma per “sosta tecnica”. Saranno invece garantiti per legge i collegamenti minimi essenziali, ovvero le linee passeggeri Genova-Porto Torres e ritorno; Civitavecchia-Cagliari e ritorno; Civitavecchia-Olbia e ritorno e la linea merci Genova-Livorno-Cagliari e ritorno.

 

 

Da: L'Unione Sarda del 13 gennaio 2011. Articolo pubblicato sul sito del Cal il 14 gennaio 2011 in occasione dello sciopero sopra annunciato.