Home Ultime Sardegna: intanto la criminalità avanza
Sardegna: intanto la criminalità avanza PDF Stampa
Martedì 18 Gennaio 2011 11:44

Il Consap lancia l’allarme

 

 «Appena 70 agenti per per 70mila abitanti Vogliamo la Questura, non si può più indugiare»

 

 

Olbia.Come andare in guerra con le fionde contro i cannoni. Il sindacato di polizia lancia l’allarme criminalità in città. Non è più pronto al silenzio di servizio. Al mix di superlavoro e superfrustrazione.

 

Mentre le bombe sbriciolano la città le forze dell’ordine devono fare i conti con le auto senza benzina, il commissariato senza ascensore e bagni che non funzionano, l’organico ridotto al minimo. Appena 70 agenti, di cui una buona fetta amministrativi, per una città di 70mila persone. Il segretario provinciale del Consap, Massimiliano Pala, rompe gli indugi. «Da quando, più di 5 anni fa, ci fu l’attentato alle concessionarie alle porte della città nulla è cambiato - dice Pala -. L’allarme non è stato recepito dalla politica. Tutto è rimasto come allora. La guerra è impari, la polizia ha pochi uomini nel territorio.

 

In commissariato siamo appena in 70, molti gli amministrativi, il resto diviso tra reparto anticrimine e volanti. L’attività di intelligence non può essere svolta in modo efficace se mancano uomini e mezzi. Le emergenze sono sempre le stesse e si ripropongono in modo ciclico. Come le auto di servizio che restano senza benzina. Siamo stanchi delle autorità che tendono a minimizzare l’allarme criminalità.

 

A Olbia esiste. È inutile negarlo». Il segretario del sindacato continua il suo spietato e preoccupante atto di accusa. «Il nostro settore deve essere riempito di contenuti - continua -. Vogliamo che venga completata la Questura. Vogliamo che vengano potenziati gli organici. Dobbiamo dare risposte a una città che cresce a ritmi vertiginosi. Solo per caso oggi non è morto nessuno. Sono deluso anche dalla classe politica. Uno degli ultimi consigli comunali che aveva come punto all’ordine del giorno la sicurezza si è chiuso in un flop. A Olbia i criminali hanno alzato il tiro. Non possiamo negarlo.

 

Ci sono dinamiche che devono preoccupare e a mio parere non hanno pari nell’isola. Per questo dobbiamo essere pronti a dare una risposta efficiente alla richiesta di sicurezza che arriva dai cittadini. Per questo è fondamentale che l’organico della polizia in città venga potenziato. Che il completamento della Questura diventi una priorità di tutto il territorio, di tutta la classe politica, al di là degli slogan che fanno guadagnare qualche voto, ma che non salvano vite umane. Dobbiamo essere in grado di lavorare da subito con più strumenti e più uomini».

 

Il sindacato Consap lancia l’allarme mentre Olbia si trova ora ad affrontare una nuova offensiva criminale. Spietati malviventi che non hanno paura di far saltare in aria la città per lanciare i loro messaggi al tritolo.

 

 

la Nuova Sardegna, 18 gennaio 2011.