Home Ultime DAL DECENTRAMENTO ALLA AUTONOMIA PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA' E ISTITUZIONE DEI CONSIGLI DELLE AUTONOMIE LOCALI: UN MODELLO DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA.
DAL DECENTRAMENTO ALLA AUTONOMIA PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA' E ISTITUZIONE DEI CONSIGLI DELLE AUTONOMIE LOCALI: UN MODELLO DI DEMOCRAZIA PARTECIPATA. PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 10:58

L'attualità propone in modo dirompente una serie di argomenti di estrema importanza per il futuro della struttura democratica dello Stato che passano dal federalismo fiscale, fino alla modifica delle competenze legislative di un ramo del Parlamento Nazionale.

Nel 2001 la riforma del Titolo V della Costituzione, ha tracciato una direttrice fondamentale del prossimo quadro istituzionale fra gli Enti costituenti la Repubblica.

L'ancora parziale attuazione di questa riforma mina alla radice il principio di pari dignità in essa contenuta.

Indipendentemente dai modelli costituzionali in discussione, i processi decisionali non potranno prescindere dal prendere in considerazione la voce dei territori e degli Enti Locali che può e deve diventare il vero contrappeso politico di controllo democratico.

Per queste ragioni, i prossimi scenari istituzionali che compongono l’orizzonte cui tendere, meritano di essere indagati proprio nelle fasi di attuazione del Titolo V e nelle prospettive e ricadute che le riforme in discussione avranno sugli Enti Locali.

Per queste ragioni i Consigli delle Autonomie Locali potrebbero costituire il modello di democrazia partecipata della nuova Repubblica.

E' possibile scaricare la brochure in formato pdf dall'area pubblicazioni.