Home Ultime Per le imprese sarde il Centro-Nord resta ancora lontano
Per le imprese sarde il Centro-Nord resta ancora lontano PDF Stampa
Martedì 01 Febbraio 2011 11:33

Economia in Sardegna

 

Nella competitività delle imprese della Sardegna il sistema tiene con qualche miglioramento, ma resta invariato il divario esistente con le imprese nazionali. Sono i dati che emergono da uno studio che ha interessato il periodo dal 2004 al 2008 condotto dall'Agenzia governativa regionale Osservatorio Economico. Sono state prese in considerazione le posizioni con forma giuridica di società di capitali, cooperative a responsabilità limitata e valore della produzione superiore ai 100 mila euro.
LA RICERCA
Gli indicatori di redditività analizzati segnalano - è detto in una nota - che il dato regionale è in linea con il dato medio delle regioni del Mezzogiorno, ma risulta ancora al di sotto dei corrispondenti valori delle aree del Centro-Nord e del dato italiano nel suo complesso.
I livelli del Roe (ovvero la remunerazione per il capitale di rischio immesso nella gestione sottoforma di risultato dell'esercizio) individuati al 2008 per l'intero sistema nazionale mostrano una flessione rispetto al 2007 di -1,6 punti percentuali (+6,7% nel 2008 contro il +8,3% del 2007).
Il Roe per le imprese regionali si attesta, invece, nel 2008 al +5,5% (contro un +6,2% del 2007), presentando una flessione meno marcata rispetto agli altri contesti territoriali.
Inoltre la dinamica di periodo del Roi (il tasso di redditività tipico degli investimenti) evidenzia valori omogenei per Sardegna e Mezzogiorno dal 2004 al 2008 e al di sotto, tuttavia, di un punto percentuale rispetto al dato medio nazionale (Sardegna +4,1%, Italia +5,0%).
DIFFERENZE
Il dato relativo alla capacità di “fare cassa” (liquidità prodotta dalla gestione rispetto ai capitali investiti) in Sardegna risulta costantemente superiore al dato del Mezzogiorno, mentre è inferiore alle aree del Centro-Nord e al dato italiano.
È stato sottolineato che le imprese sarde, pur mostrando ancora un basso livello di capitalizzazione, sono caratterizzate da un progresso costante che ne ha ridotto le differenze con l'area del Mezzogiorno e le avvicina a quelle nazionali: infatti, il rapporto tra passività e capitale netto nel 2008 è pari a 4,9 in Sardegna e a 4,6 in Italia.
L'Unione Sarda, 1 febbraio 2011.