Home Ultime Le Province restano. Nel mirino entrano 3mila enti intermedi
Le Province restano. Nel mirino entrano 3mila enti intermedi PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 12:43

Michele Davico, sottosegretario agli Interni, leghista, piemontese, siede al tavolo interministeriale che ha messo in piedi una prima bozza di «soluzione condivisa» al riassetto istituzionale degli enti locali.

«Il risultato elettorale non mi pare frapponga ostacoli alla strada che si era scelta già prima delle elezioni del mantenimento delle Province, sia pure secondo circoscrizioni da ridisegnare in base a bacini territoriali ottimali, e della contemporanea soppressione di un cospicuo numero di enti intermedi. Sono fiducioso che per il codice delle autonomie possano arrivare prima dell'estate le due approvazioni previste al Consiglio dei ministri».

L'altro effetto del successo elettorale leghista è l'accelerazione dell'attuazione della legge sul federalismo fiscale che per la Lega Nord è fondamentale attuare nei termini previsti.

 

 

L'articolo completo pubblicato da Il Sole 24Ore è inserito nella Rassegna Stampa presente nell'area Ufficio Stampa.