Home Ultime Da Uncem e Legautonomie prime critiche al ddl Calderoli
Da Uncem e Legautonomie prime critiche al ddl Calderoli PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 13:06


Dalle comunità montane si alza, com'era prevedibile, la levata di scudi sul codice autonomie. Il presidente dell'Uncem, Enrico Borghi, non usa mezzi termini e definisce il ddl Calderoli «un disegno di legge giacobino e mercatista, che espropria la sovranità dei piccoli comuni e svuota i luoghi della democrazia rappresentativa». Borghi contesta non solo l'eliminazione tout court delle comunità montane e dei bacini imbriferi montani, ma soprattutto le norme del disegno di legge che, a suo dire, «minano l'autonomia e la rappresentanza democratica dei piccoli comuni». «Come si può pensare di trasferire alla burocrazia di un ente intermedio precario come l'Unione dei comuni materie che oggi sono il cuore dell'azione di una municipalità democraticamente eletta?», si domanda il presidente dell'Uncem. «Urbanistica, edilizia pubblica e privata, viabilità, istruzione, non risponderanno più ai sindaci e ai consigli comunali eletti dai cittadini, ma a una fantomatica Unione dei comuni priva di autonomia statutaria e addirittura con un presidente a rotazione». L'Uncem boccia anche la misura che elimina le giunte nei comuni sotto i 1.000 abitanti e dimezza i consigli comunali sotto i 3.000 abitanti. «Questo testo», prosegue il presidente dell'Uncem, «è la chiara espressione di una concezione della democrazia sempre meno partecipata e sempre più concentrata nelle mani di pochi».

La riduzione di giunte e consigli non piace neppure a Legautonomie. «Non è così che si affronta il tema dell'abbattimento dei costi della politica, su cui in altre parti invece il disegno di legge Calderoli è alquanto timido», ha dichiarato il presidente di Legautonomie, Oriano Giovanelli. «Allo stesso modo», prosegue, «non è condivisibile la soppressione degli organi di decentramento comunale che andrebbero invece riformati e valorizzati in funzione della partecipazione». Legautonomie boccia anche l'abolizione delle funzioni catastali, tra quelle fondamentali dei comuni. Secondo l'associazione questa sarebbe una contraddizione con la legge delega sul federalismo fiscale che individua negli immobili la base imponibile principale dei comuni.

 

 

L’articolo di Francesco Cerisano pubblicato da Italia Oggi è inserito nella Rassegna Stampa presente nell’area Ufficio Stampa.