Home Ultime Appello alla Regione
Appello alla Regione PDF Stampa
Martedì 12 Aprile 2011 11:09

dalla Forestale

 

 

Forestale, appello alla Regione

 

 

Sos di Murgia a Cappellacci per salvare la scuola

 

 

 

Le voci dello scippo della scuola forestale attesa sul monte Ortobene si susseguono assieme agli appelli alla Regione per onorare gli accordi firmati. Dopo la mozione trasversale presentata nei giorni scorsi da quaranta consiglieri regionali, in testa il nuorese Roberto Capelli, scende in campo il deputato del Pdl Bruno Murgia con una richiesta precisa: istituire a Nuoro almeno in forma provvisoria la direzione regionale della scuola fugando così timori e dubbi.
Ora per la loro formazione gli agenti forestali sbarcano a Sabaudia e Cittaducale, entrambe nel Lazio, perché in Sardegna la scuola non c'è.
La scelta di Nuoro avrebbe risolto un problema generale consentendo un risparmio alle casse regionali e dato la possibilità di rinascita a un'oasi di grande pregio, a una città in affanno e a un territorio con una forte vocazione ambientale. Perciò in tanti, già le scorse settimane, hanno invocato il rispetto degli accordi e l'avvio a Nuoro della scuola, dal gruppo Pdl in Comune all'associazione Berlinguer, a quella a sostegno dell'università nuorese.
 L'INTESA
«La scelta di istituire la scuola forestale a Nuoro non è un fatto campanilistico, né la solita rivendicazione nei confronti di Cagliari», spiega il parlamentare nuorese che ricorda gli impegni sottoscritti nove anni fa. «Nel 2002, con l'accordo di programma sul monte Ortobene e con i successivi atti normativi, la scelta fu quella di costruire in città un polo ambientale collegato all'università che avesse portata nazionale. A oggi non sono stati fatti passi in avanti, dopo molti anni».
LA REGIONE
Murgia rilancia l'iniziativa del consigliere regionale di Api e chiede conto al presidente della Regione e all'assessore all'Ambiente del futuro di quella intesa. «Sacrosanta - sottolinea - la mozione presentata da Roberto Capelli e molti altri consiglieri regionali. È fondamentale che la Regione, in particolare Ugo Cappellacci e l'assessore Giorgio Oppi, dicano chiaramente a che punto sia il progetto».
 IL COMUNE
Il deputato del Pdl sollecita anche l'amministrazione comunale. «È importante - dice - capire quale sia la strategia del Comune di Nuoro, se la scelta sulla collocazione della scuola sia ancora l'ex Esit, con annesso recupero dello stabile, o se, come sostengono altri esperti, non sia il caso di utilizzare altre strutture sempre al monte Ortobene con minori spese».
L'APPELLO
Nel tentativo di salvare la scuola forestale che rischia di finire a Cagliari disattendendo gli impegni con Nuoro, Murgia auspica «una mobilitazione del territorio, delle associazioni, della politica e delle parti sociali, economiche e culturali per tenere viva l'attenzione e il rispetto degli impegni presi.
Ciò che chiediamo alla Regione - sottolinea - è che nel frattempo la direzione provvisoria della scuola sia istituita a Nuoro, anche per mettere a tacere alcune voci che vorrebbero, con un astuto silenzio, il tramonto della possibilità di un centro che valorizzi l'Ortobene e sia un punto di eccellenza nelle discipline forestali».
L'Unione Sarda, 12.04.2011