Home Ultime Porto cervo
Porto cervo PDF Stampa
Mercoledì 04 Maggio 2011 10:53

e il bosco dei Vip

 

 

Istituzioni, Europa, Enti Locali

 

 

Arzachena, rinasce il bosco dei vip: scolari ripiantano i ginepri potati da Briatore


Gli alberi vennero tagliati due anni fa per far posto al Billionaire beach, ora interviene una scuola media

 

 

PORTO CERVO. Gli alunni della scuola media adottano l’ex boschetto dei vip. L’area verde alle spalle della spiaggia di Capriccioli, potato sotto la gestione di Flavio Briatore, rinasce grazie alla media di Arzachena “Salvatore Ruzzittu”.
Per una giornata i ragazzi saranno un po’ giardinieri un po’ medici. Venerdì mattina pianteranno infatti decine di ginepri, lentischi e filliree. Terapia per curare il bosco ferito dalla mano dell’uomo. Il bosco che fa ombra alla sabbia di Capriccioli si trova davanti al bar oggi gestito dal Comune attraverso la sua municipalizzata.
Fino a due anni fa il locale era il regno sul mare di Briatore, il “Billionaire beach”, frequentato da personaggi dello spettacolo e della tv.
Nell’estate del 2009 l’intervento di potatura eseguito dalla società Billlionaire aveva fatto il pieno di critiche tra i residenti. La regolarità dell’operazione di pulizia del sottobosco, approvata dal corpo forestale e dal Comune, non aveva sedato comunque le proteste.
In prima linea Marina Pala, insegnante di scienze naturali che da anni, nel bosco di Capriccioli, faceva lezione per mostrare dal vivo agli alunni la bellezza di alcune piante della tradizione mediterranea. Ed è proprio Marina Pala, insieme alla collega Anna Corbia docente di italiano, a curare il progetto scolastico battezzato “Il bosco ferito”. Venerdì mattina, a partire dalle 9,30, la classe I C pianterà gli alberelli di ginepro e lentischio donati dall’ente foreste della Sardegna. Il corpo forestale di Olbia guiderà l’operazione di giardinaggio. La giornata di educazione ambientale rappresenta il momento finale del progetto didattico “La scuola adotta un bosco”. Gli alunni hanno scelto di diventare genitori adottivi dello spazio verde sulla spiaggia di Capriccioli.
«All’unanimità la classe ha scelto di adottare il bosco costiero di Capriccioli che ha definito il bosco ferito - spiega l’insegnante Marina Pala -. Due anni fa è stato danneggiato gravemente con il taglio di decine di ginepri e con una potatura devastante che di fatto ha modificato l’aspetto di un luogo simbolo della Costa Smeralda».
La società Billionaire ha sempre difeso l’operazione di pulizia del bosco e ha dichiarato di non aver mai tagliato alberi di ginepro ma di essersi limitata a pulire il sottobosco.

 

La Nuova Sardegna del 4.05.2011