Home Ufficio Stampa La Regione: slitti il sequestro del poligono
La Regione: slitti il sequestro del poligono PDF Stampa
Mercoledì 18 Maggio 2011 07:57

Ambiente e territorio.

Oggi i sindaci incontrano il procuratore Fiordalisi che nei prossimi giorni deve nominare un custode giudiziale.

E a Perdasdefogu, mentre la Regione, seppur per ora in modo non ufficiale, chiede quattro settimane di tempo prima di far diventare esecutivo il decreto di sequestro del poligono di Quirra e l’assessore alla Sanità, Antonello Liori, ha istituito la commissione e il comitato scientifico «per la valutazione epidemiologica» dello stato di salute della popolazione «residente e operante» nel territorio di Quirra, Capo Frasca, Teulada e La Maddalena, oggi, per i sindaci dei territori colpiti dal provvedimento, arriva il giorno dell’incontro con il procuratore Domenico Fiordalisi.

 

 

L'Assessore Liori istituisce la commissione per l’analisi epidemiologica nelle aree militari.

 

 

 

Questo pomeriggio, infatti, la delegazione di primi cittadini ogliastrini e del Sarrabus - in testa Walter Mura di Perdasdefogu e Gianfranco Piu di Villaputzu - si presenteranno in Procura con un gruppo nutrito di compagni di “sventura” nel complicatissimo caso Quirra.

 

 

Ci saranno anche il sindaco di Arzana, Marco Melis, e quello di Villagrande, Giuseppe Loi.

 

La delegazione sarà accompagnata dal vicecoordinatore Coldiretti Nuoro-Ogliastra, Vincenzo Cannas.


Sindaci, pastori e semplici residenti, vogliono capire con esattezza, ad esempio, chi si dovrà occupare di far applicare il provvedimento, chi dovrà vigilare, cosa succederà agli animali.


Per ora esistono poche ma ferme certezze. La prima: l’organo preposto a far eseguire il sequestro del poligono firmato dal gip Paola Murru, è il procuratore Fiordalisi. L’esecuzione non sarà una operazione immediata e improvvisa, ma richiederà, a conti fatti, qualche settimana di tempo. Nel caso di un sequestro preventivo come quello del poligono di Quirra, infatti, la legge prevede che l’organo esecutore possa nominare un custode giudiziale.

 

 

Ancora non si sa chi potrebbe essere. Nei prossimi giorni, poi, la squadra mobile nuorese e gli uomini del corpo forestale, su delega del procuratore, si preoccuperanno di rendere ancora più evidente il decreto del gip sistemando diversi cartelli con la scritta «Area sottoposta a sequestro». Ieri, intanto, l’assessore Liori ha istituito la commissione che si dovrà occupare dell’analisi epidemiologica delle popolazione attorno ai poligono sardi. Non solo Quirra, dunque.

 

 

«Dovrà essere uno studio scrupoloso e fondato su criteri rigorosamente scientifici - spiega Liori - ma soprattutto imparziale, che possa conquistare la fiducia e credibilità dei cittadini. La ricerca di verità da parte della giunta è confermata anche dall’extra piano di monitoraggio sullo stato di salute e benessere degli animali, e sulla sicurezza igienica degli alimenti di origine animale prodotti nelle aree del poligono di Quirra.

 

 

Partirà nei prossimi giorni e sarà realizzato dall’Asl ogliastrina con l’istituto zooprofilattico della Sardegna, e riguarderà in particolare il foraggio, il latte e i formaggi prodotti, oltre ad alcuni prelievi su animali macellati e cacciati». La commissione sarà composta da rappresentanti dell’assessorato regionale alla Sanità, dall’osservatorio epidemiologico regionale, Asl di Cagliari, Oristano, Lanusei e Olbia, mentre i componenti del comitato scientifico saranno nominati dall’istituto superiore di sanità, dall’associazione italiana dei registri tumori, dal dipartimento di statistica dell’università di Firenze, al quale spetterà anche il coordinamento.