Home Ufficio Stampa Appello per ripianare il buco Abbanoa
Appello per ripianare il buco Abbanoa PDF Stampa
Venerdì 20 Maggio 2011 11:54
 «Forse non è ancora chiaro su cosa siamo seduti, quale sia la reale consistenza della finanza regionale»: parole da brivido, perché pronunciate nell'aula del Consiglio regionale non da un accanito oppositore, ma dall'assessore al Bilancio Giorgio La Spisa.
Intervenendo nella discussione sul collegato alla manovra (di cui ieri sono stati approvati i primi articoli) l'esponente della Giunta ribadisce l'allarme sui conti.

 

 

La Spisa, appello per ripianare il buco Abbanoa

 

«Forse non è ancora chiaro su cosa siamo seduti, quale sia la reale consistenza della finanza regionale»: parole da brivido, perché pronunciate nell'aula del Consiglio regionale non da un accanito oppositore, ma dall'assessore al Bilancio Giorgio La Spisa.
Intervenendo nella discussione sul collegato alla manovra (di cui ieri sono stati approvati i primi articoli) l'esponente della Giunta ribadisce l'allarme sui conti.
CASO ABBANOA
Già altri ne avevano parlato, specie in riferimento ai debiti della Società bonifiche sarde e di Abbanoa (da Luciano Uras e Carlo Sechi di Sel ad Adriano Salis dell'Idv). Per il gestore del servizio idrico, tra l'altro, la Giunta ha predisposto un emendamento che stanzia 50 milioni per il «riequilibrio del ciclo economico e finanziario» della società.
La proposta verrà votata più avanti (i lavori sul collegato riprenderanno dopo i ballottaggi elettorali), ma fa già discutere: è perplesso, per esempio, anche il capogruppo del Pdl Mario Diana. «È un emendamento un po' provocatorio», ammette La Spisa, «perché recupera i 50 milioni tagliando orizzontalmente ovunque si può.
Il Consiglio può decidere altrimenti, ma si assuma la responsabilità del controllo dei costi dell'acqua».
Per il resto la discussione sul collegato è animata soprattutto dall'opposizione. La vicepresidente della commissione Bilancio, Francesca Barracciu (Pd), considera la legge «un insieme di interventi a pioggia per tappare i buchi delle troppe promesse elettorali della Giunta».
Molto duri gli attacchi di Gian Valerio Sanna (Pd) su un emendamento dell'esecutivo che interviene sul piano casa, e anche Roberto Capelli (Api) promette opposizione dura su ogni punto.
LA GIUNTA
 Ieri intanto, su proposta dell'assessore alla Cultura Sergio Milia, la Giunta ha approvato lo statuto della Fondazione Sardegna Film Commission: «Un passaggio necessario per applicare la normativa esistente destinata a incoraggiare e sostenere la produzione cinematografica», sottolinea Milia - e promuovere il territorio regionale attirando in Sardegna produzioni cinematografiche e televisive».


L'Unione Sarda.