Home Ultime Via il catrame dalle spiagge
Via il catrame dalle spiagge PDF Stampa
Mercoledì 01 Giugno 2011 07:16
mare pulito
Puliti i 40 chilometri del litorale del nord ovest

 

I circa 40 chilometri di litorale del Nord ovest della Sardegna, aggrediti nel gennaio scorso dall'olio combustibile fuoriuscito in mare durante le operazioni di scarico di una nave cisterna nella centrale E.On. di Fiume Santo, sono integri e possono essere di nuovo messi a disposizione ai cittadini.
Lo ha decretato ieri mattina la conferenza di servizi riunita nella sede della presidenza della Regione, dopo aver preso atto delle risultanze di Ispra e Arpas, i massimi organismi nazionale e regionale in materia di tutela dell'ambiente.
SPIAGGE PULITE
Le certificazioni sono state rilasciate al termine dei lavori di bonifica e caratterizzazione effettuati da squadre di tecnici dalla zona di Balai, in Comune di Porto Torres, fino a Punta Tramontana, presso Castelsardo. Solo in un tratto di cento metri quadrati nella zona di Marritza (Sorso) è stata accertata la residua presenza di sostanze inquinanti.
Qui occorrerà rifare i carotaggi per raccogliere la sabbia necessaria per gli esami di laboratorio e ripetere le procedure già effettuate.
 
ORDINANZE REVOCATE
 Oggi i sindaci dei cinque Comuni interessati dall'inquinamento potranno revocare le ordinanze di divieto d'accesso della gente alle spiagge oggetto dei lavori.
Di conseguenza anche gli operatori turistici potranno avviare le loro attività predisponendo tutti i servizi in spiaggia per i clienti.
Soddisfazione è stata espressa dal presidente della Regione: «In questi mesi abbiamo lavorato quotidianamente e in stretta collaborazione con i rappresentanti del territorio.
La restituzione ai comuni di questa parte dell'isola deve essere considerato un ottimo risultato».
Le operazioni di caratterizzazione erano cominciate il 20 aprile a una settimana dall'approvazione del piano di caratterizzazione predisposto da E.On.
Un lavoro durato quaranta giorni affidato a una società specializzata nelle bonifiche sotto il vigile controllo dell'Ispra e dell'Arpas.
Da: L'Unione Sarda del 1.06.2011