Home Ufficio Stampa Regione Sardegna: la maggioranza tiene sul “collegato”
Regione Sardegna: la maggioranza tiene sul “collegato” PDF Stampa
Mercoledì 15 Giugno 2011 08:07

Il consiglio regionale della SardegnaLa maggioranza tiene sul “collegato”.

La colla scelta negli ultimi giorni da Cappellacci per ora tiene e la maggioranza supera senza intoppi il ritorno in Aula per il collegato alla finanziaria. Alla seduta partecipano il governatore e buona parte della Giunta
Fila liscia l'incognita del voto segreto e il centrodestra riesce a respingere le bordate dell'opposizione...
l test è positivo dopo la tempesta che ha fatto ballare il governo regionale, ma resta da valutare la tenuta alla distanza, con nuovi approfondimenti nei prossimi passaggi in Consiglio.
SEI MILIONI ALLE UNIVERSITÀ
In mattinata arriva il via libera per l'articolo omnibus che fissa contributi un po' in tutte le direzioni.
La maggioranza porta a casa il risultato, nonostante molti distinguo che partono dai banchi dell'Udc, dei Riformatori e del Psd'Az.
A vuoto i tentativi dell'opposizione di aprire varchi nella coalizione di centrodestra, con diversi emendamenti soppressivi dei quindici commi dell'articolo 15 quater del collegato. Via libera ai 6 milioni che finanzieranno la legge regionale sulle università sarde. C'è anche il sì di Pd, Idv e Sel-Comunisti-Indipendentistas, che puntano il mirino contro i «tagli statali».
GLI ALTRI STANZIAMENTI

Stanziati due milioni a favore dell'Ersu, mentre due milioni andranno ai comuni per l'inserimento di minori soggetti a provvedimenti dell'autorità giudiziaria.
Centomila euro serviranno per la sperimentazione dell'insegnamento della lingua sarda nelle scuole e 500 mila euro sono stati riservati ai Comuni che fronteggiano l'emergenza immigrazione dal Nord Africa.
OPPOSIZIONE ALL'ATTACCO

Il centrosinistra non fa mancare le critiche all'azione generale del centrodestra.
Per Luciano Uras (Sel), «la Sardegna ha bisogno di un rigore nuovo che questa maggioranza e questa giunta non potranno garantire», mentre Francesca Barracciu si sofferma sull'«inconsistenza» del collegato, ribadendo la richiesta di dimissioni per Cappellacci.
L'Unione Sarda del 15.06.2011.