Home Ultime Bufera sulla Provincia
Bufera sulla Provincia PDF Stampa
Mercoledì 15 Giugno 2011 08:15

Nuoro


Tra i sette indagati il presidente Roberto Deriu, nel mirino cinquanta assunzioni in cambio di voti alle precedenti elezioni. 
Terremoto in Provincia per le assunzioni nei cantieri di manutenzione stradale nel Nuorese.
Perquisizioni domiciliari e negli uffici di piazza Italia sono state attivate subito dopo l'alba dai carabinieri su disposizione della Procura di Nuoro.
INDAGATI
Da ieri, infatti, sono iscritte nel registro degli indagati sette persone, a cominciare - appunto - dal presidente Roberto Deriu (Pd).
Come lui hanno ricevuto un avviso di garanzia Peppino Paffi, consigliere provinciale della civica Autonomia e Progresso, già vicepresidente in quota ai Socialisti, e Ventura Meloni, ex assessore ai Lavori pubblici e attualmente capogruppo socialista in Consiglio comunale a Nuoro.
I fatti risalirebbero al 2009 e al 2010: il sospetto - tutto da sfatare - è che le assunzioni, circa cinquanta e tutte a tempo determinato, possano essere state pilotate per favorire un copioso ritorno in termini di voti alle elezioni provinciali che, nella primavera dell'anno scorso, hanno poi confermato la Giunta Deriu nel Palazzo di piazza Italia.
LA SITUAZIONE
Non bastava la crisi in atto nella maggioranza di centrosinistra che governa l'ente intermedio nel capoluogo barbaricino. A peggiorare la situazione ci si è messa questa inchiesta sulle assunzioni a tempo determinato in un'agenzia che avrebbe dovuto lavorare per conto della Provincia.
I reati contestati sarebbero peculato, corruzione per atto contrario ai doveri del proprio ufficio, turbata libertà degli incanti, frode in pubbliche forniture. I fatti risalirebbero a quando la prima Giunta Deriu si apprestava ad affrontare la prova delle urne per ottenere la riconferma.
Gli indagati non sarebbero soltanto sardi.
I carabinieri riferiscono che avvisi di garanzia sarebbero stati recapitati anche a due imprenditori. Uno di questi sarebbe il titolare, a Oliveto Lario, di una società di consulenza - F. P., 38 anni, milanese residente in Polonia - per appalti su smaltimento di rifiuti e, appunto, lavoro interinale.
L'OPERAZIONE
Il blitz dei carabinieri è iniziato alle 8 con perquisizioni domiciliari mirate a Nuoro, Milano, Roma, Lecco, Cagliari e Sant'Antioco.
I carabinieri del Noe di Sassari e del nucleo investigativo di Nuoro, rinforzati dai militari del nucleo investigativo di Milano, Lecco, del Noe di Milano, Cagliari e Roma, hanno effettuato le perquisizioni e consegnato gli avvisi di garanzia a conclusione di una complessa attività di indagine condotta dalla Procura di Nuoro.
IL PRESIDENTE

Roberto Deriu non ha trascorso una giornata serena.
Prima di far perdere le sue tracce, il presidente della Provincia ha affidato a una nota alcune riflessioni: «Rispetto alle attività della Magistratura concernenti materie e procedimenti trattati dagli uffici della Provincia di Nuoro, comprendendo che si tratta di atti dovuti a termine di legge, esprimiamo la massima fiducia nel lavoro della magistratura e della Polizia giudiziaria ed attendiamo che gli esiti della loro attività dimostrino la regolarità dell'attività amministrativa svolta sotto la nostra responsabilità».

 

L'Unione Sarda del 15.06.2011