Home Ultime Cin ritarda la firma Sindacati contro
Cin ritarda la firma Sindacati contro PDF Stampa
Mercoledì 22 Giugno 2011 07:59
Tirrenia
«Siamo fortemente preoccupati per l'esito della procedura di privatizzazione». Così Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti si esprimono sulle notizie di un possibile rinvio della firma del contratto di cessione di Tirrenia alla Cin, la Compagnia italiana di navigazione che ha fatto l'offerta d'acquisto della compagnia statale.
I sindacati spiegano che «questa ennesima incognita nel processo di privatizzazione è un altro capitolo di una gestione maldestra di tutta la procedura stessa da parte del Governo».
Lo stop alla procedura - come ha anticipato ieri il Sole 24 Ore - giunge in seguito alle obiezioni, sollevate dagli armatori Aponte, Grimaldi e Onorato che guidano la Cin, sull'entrata in scena della concorrente Saremar, l'ex controllata sarda di Tirrenia ceduta alla Regione sarda con la clausola di privatizzarla. La data fissata per la firma del contratto, domani 23 giugno, slitterebbe ancora dal momento che Cin ritiene necessario rivedere l'intera trattativa alla luce dell'entrata in scena della flotta sarda, per effetto della quale il valore di Tirrenia non sarebbe più quello inizialmente previsto, pari a 380 milioni di euro.
SINDACATI
«Da quando ha avviato la privatizzazione - sostengono unitariamente le tre sigle sindacali dei Trasporti - il Governo ha determinato solo confusione e incertezza, non ultimo anche nella mancanza di attenzione alla questione delle tariffe. Anche l'iniziativa di messa in linea di un servizio aggiuntivo di collegamento con la Sardegna rischia di complicare ulteriormente la conclusione della vicenda».
Secondo Filt, Fit e Uilt: «il Governo deve intervenire, facendo finalmente la propria parte e definendo tutte le condizioni per la conclusione positiva del processo di aggiudicazione e per la tutela degli interessi della collettività».
L'Unione Sarda del 22 Giugno 2011.