Home Ultime La Maddalena ospita i delegati
La Maddalena ospita i delegati PDF Stampa
Venerdì 01 Luglio 2011 10:54

 di 25 Paesi

 

Presentato il seminario dell’assemblea parlamentare Nato sui temi politici e la sicurezza del Mediterraneo
LA MADDALENA
«Il seminario dell’assemblea parlamentare Nato rappresenta un’occasione di alto livello per discutere le principali questioni politiche, strategiche e di sicurezza che riguardano l’area del Mediterraneo e del Medio Oriente».
Così ha riferito ieri mattina, a Roma, il il presidente della delegazione italiana all’assemblea parlamentare Nato, senatore Sergio De Gregorio, presentando il seminario annuale del gruppo speciale «Mediterraneo e medio Oriente» che si terrà alla Maddalena lunedì e martedì.
Della delegazione italiana fanno parte anche i sardi Antonello Cabras (vicepresidente) e Arturo Parisi. Sarà presente alla Maddalena anche Giuseppe Cossiga, sottosegretario alla Difesa).
Il seminario è una grande occasione di confronto per le diplomazie internazionali, ma anche una straordinaria opportunità di promozione per l’arcipelago gallurese.
«Sarà assicurata visibilità turistica a uno dei gioielli del Mediterraneo - ha riferito il senatore Fedele Sanciu, presidente della Provincia Olbia-Tempio, anche lui presente all’incontro romano - dopo gli interventi di riqualificazione per il G8 del 2009, poi trasferito all’Aquila, bisogna sostenere la fase di transizione da base militare a località turistica e sede di importanti iniziative politiche».
Al seminario partecipano 25 nazioni tra cui Russia e Israele e, per la prima volta, delegazioni dell’Iran (il vice ministro degli esteri Ali Ahani), dell’Iraqui national accord, del Kurdistan democratic party e dell’Egitto. L’agenda del forum prevede due tavoli di confronto, uno proprio sul ruolo internazionale dell’Iran nella regiona e nei rapporti con l’Occidente.
Un altro, invece, sarà dedicato all’Iraq e alle sue prospettive dopo la fine dell’intervento americano. Previsto un approfondimento anche sul processo di democratizzazione nei paesi del nord Africa (Egitto e Tunisia).
Discorso a parte per la Libia, dove gli ultimi aggiornamenti sulla situazione militare saranno forniti dall’ammiraglio Samuel Locklear, comandante delle forze alleate del Sud Europa.
La Nuova Sardegna del 1 Luglio 2011.