Home Ufficio Stampa Approvato il calendario della caccia
Approvato il calendario della caccia PDF Stampa
Giovedì 07 Luglio 2011 09:28
Il Comitato regionale faunistico ha approvato il calendario venatorio 2011/2012.
La stagione della caccia si aprirà il primo settembre con la tortora, alla posta e senza l'uso del cane per l'intera giornata.
Lo stesso accadrà domenica 4 settembre...
Il 18 e 25 settembre e il 2 e 9 ottobre 2011 potranno essere cacciate lepri e pernici, anche in forma vagante e con l'uso del cane sino alle ore 14 con la limitazione di due capi per cacciatore.
Mentre coniglio selvatico, volpe, allodola, alzavola, beccaccia, beccaccino, cesena, codone, colombaccio, cornacchia grigia, fischione, folaga, frullino, gallinella d'acqua, germano reale, ghiandaia, merlo, mestolone, moretta comune, moriglione, pavoncella, porciglione, quaglia, tordo bottaccio, tordo sassello, tortora potranno essere cacciati il 18 e 25 settembre e 2 e 9 ottobre, anche in forma vagante e con l'uso del cane per l'intera giornata, dal 13 ottobre al 31 gennaio 2012 la domenica, il giovedì e festivi infrasettimanali, anche in forma vagante e con l'uso del cane.
La caccia al cinghiale si potrà effettuare il 6, 13, 20 e 27 novembre, 4, 8, 11, 18 e 26 dicembre, 8, 15, 22, 29 gennaio anche con il sistema della battuta e con l'uso della munizione a palla unica.
Per quanto riguarda la caccia al tordo, ci potrebbe essere una contrazione del periodo in base alle date che stabilirà la Conferenza Stato-Regioni.
Tra le novità, anche la possibilità d'uso del fucile a canna rigata, mentre rimane l'obbligo per i cacciatori e i battitori dell'uso del giubbino ad alta visibilità durante l'esercizio dell'attività venatoria con l'obiettivo di cercare di evitare gli incidenti.
I DUBBI DI FLI
«Condivido le perplessità di varie parti del mondo venatorio sardo sul calendario venatorio», dice il consigliere regionale Ignazio Artizzu (Udc - Fli), «continuo a ritenere un errore l'apertura per mezza giornata alla selvaggina nobile stanziale. Gravi incognite pesano inoltre sulla regolare calendarizzazione del mese di gennaio, in particolare per la migratoria. Spero che Regione possa risolvere felicemente la questione col Governo».
L'Unione Sarda del 7 Luglio 2011.