Home Ufficio Stampa Aias, sit in alla Regione
Aias, sit in alla Regione PDF Stampa
Giovedì 07 Luglio 2011 09:48
Protesta dei lavoratori dell'associazione da maggio senza stipendi «Se non ci pagate quanto dovuto da venerdì 15 luglio interromperemo il servizio».
I dipendenti dell'Aias (Associazione italiana per l'assistenza agli spastici) sono in stato di agitazione: l'assessorato regionale alla Sanità non ha versato all'associazione i corrispettivi...
Il presidente: dal 15 luglio bloccheremo le prestazioni

 

SANITÀ
 Protesta dei lavoratori dell'associazione da maggio senza stipendi «Se non ci pagate quanto dovuto da venerdì 15 luglio interromperemo il servizio».
I dipendenti dell'Aias (Associazione italiana per l'assistenza agli spastici) sono in stato di agitazione: l'assessorato regionale alla Sanità non ha versato all'associazione i corrispettivi e, di conseguenza, l'Aias non paga gli stipendi dei lavoratori da maggio.
 Una situazione altamente a rischio che, se non risolta in tempi brevi, potrebbe provocare pesanti disagi ai malati e ai loro familiari.
I lavoratori per dimostrare tutto il loro disappunto ieri, alle 18, hanno attuato un sit in di protesta davanti all'assessorato regionale della Sanità in occasione di un incontro per fare il punto sulla vertenza. Gli operatori lamentano ritardi nell'erogazione degli stipendi (devono ricevere ancora di maggio), la cancellazione del contratto collettivo nazionale di lavoro e il rischio di licenziamenti.
LA PROTESTA
Il presidente dell'Aias Paola Randazzo mette le mani avanti e in una nota inviata, tra gli altri, alla Procura, alla Questura, ai sindacati e alla Regione, fa scattare l'allarme.
«Le Asl hanno bloccato i pagamenti correnti 2011, non avendo l'assessorato alla Sanità deliberato nuovi contratti. L'assessorato non ha modificato i tetti di spesa, per cui si rischia una riduzione del numero delle prestazioni».
Da: l'Unione Sarda del 7 Luglio 2011.