Home Ufficio Stampa Approvata la mini-riforma sul personale
Approvata la mini-riforma sul personale PDF Stampa
Venerdì 15 Luglio 2011 00:00
Le tensioni in aula non fermano la corsa del disegno di legge 71 e poco prima delle ventuno arriva il via libera del Consiglio alla mini-riforma del personale. Spiccano le norme “salva-precari”, il no all'aumento degli stipendi dei manager, l'istituzione della scuola del corpo forestale e gli incarichi ai dirigenti “facenti funzioni”.
Precari. La norma che ha diviso il Pd da Sel, con i vendoliani schierati con la maggioranza, dovrebbe dare garanzie a circa duemila precari. Si prevede la conferma per due anni, con due milioni, dei servizi del personale dei beni culturali, mentre con 15,5 milioni si rifinanzia il piano di spesa per il personale docente dei centri privati e dei centri regionali di formazione professionale degli enti locali. Altri 12 milioni saranno destinati al personale dei Centri servizi per il lavoro e delle agenzie di sviluppo locale.
Entro il 30 marzo di ogni anno l'assessore del Personale dovrà presentare una relazione per consentire all'amministrazione regionale di procedere ad assunzioni di personale a tempo determinato nel limite massimo del 3 per cento rispetto agli organici strutturati, prendendo in considerazione tutte le forme di lavoro a termine.
NO AD AUMENTI PER I MANAGER
 
Non ci sarà l'aumento fino a un massimo del 20 per cento dei compensi dei manager delle Asl sarde. La norma è stata bocciata con 49 voti contrari, 5 favorevoli (dei Riformatori) e 10 astenuti. Franco Meloni aveva parlato di «questione di giustizia» per il ruolo dei manager che guadagnano meno dei primari.
DIRIGENTI “FACENTI FUNZIONI”
 
 
 In attesa dei concorsi pubblici i dipendenti della “categoria D” della Regione potranno sostituire nelle funzioni i dirigenti (per due anni) sempre che siano in possesso dei requisiti. Bocciato a voto segreto, un comma che estendeva i requisiti per svolgere il ruolo di direttore generale dell'agenzia Agris Sardegna.
SCUOLA FORESTALE
 
 
Sì allo stanziamento di un milione di euro, dal 2012, per realizzare la scuola regionale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale a Nuoro.