Home Pubblicazioni DERAGLIAMENTI
DERAGLIAMENTI PDF Stampa
Mercoledì 04 Agosto 2010 14:38
Presentare il proprio Comune e una manifestazione ad esso legata è sempre qualcosa di estremamente difficile.
Troppo spesso si rischia di essere banali, frettolosi, approssimativi se non addirittura incomprensibili. Omologarsi diventa l’imperativo categorico. Noi cercheremo di non cadere in questo errore che annulla, svuota, baratta il senso stesso di una parola che pare sia stata abolita dal lessico comune, la parola uguaglianza. Bortigiadas, anche con questa manifestazione, vuole affermare, e non appaia una dicotomia, l’essere diverso fra gli uguali e coniugare così identità e uguaglianza. La scelta di proporre una rassegna dedicata alla canzone d’autore ricalca esattamente questa logica. Il titolo della manifestazione “DERAGLIAMENTI" è stata provocato da Vinicio Capossela, che nel 1999 fu protagonista a Bortigiadas di uno straordinario concerto, secondo cui “c’è la strada e c’è il deragliamento, inevitabile quantunque”. In questa frase c’è tutto quello che è e che vorrà essere questo evento: il palcoscenico per quelle culture che si sono poste fuori dalle logiche di mercato, della mercificazione del pensiero, dell’umanità e della dignità. Musica, parole, poesie che hanno deragliato, appunto. Il tentativo è quello di costruire nel tempo una manifestazione che leghi indissolubilmente artisti e pubblico a un luogo, Bortigiadas, in una sorta di comunanza sentimentale e ideale il cui collante sia la musica, la poesia, le emozioni. In tempi in cui tutto è merce, mercato, vendita e profitto noi diciamo, provocatoriamente, che l’unica risorsa del nostro paese è il Nulla e che la nostra povertà è l’unica vera ricchezza. Povertà che è sinonimo di amore per la semplicità una caratteristica rimasta ancora inalterata nella nostra piccola comunità. Una povertà che non ci costringe a piangerci addosso, che non ci ha consumato le lacrime e la voce, ma che invece ci dà la forza per costruire una società migliore. Lo sforzo che in questi anni si è fatto non è quello di riappropriarsi delle antiche miserie bensì quello di riscoprire le antiche solidarietà col sacrificio e la fatica di chi ci ha preceduto. Uno degli strumenti per testimoniare la nostra esistenza, in un’epoca storica che tende ad annullare con violenza le identità, è la cultura. Abbiamo scelto di dire io esisto attraverso la musica, l’unica forma di linguaggio che ha insito in sé il concetto di fratellanza. È il nostro modo di far convivere identità e uguaglianza. Noi e il mondo. Con un obiettivo: far felici i cittadini.
Il Sindaco Emiliano Deiana PROGRAMMA Sabato 9 agosto, ore 21,30, Piazza San Nicola concerto di Stefano Tessadri Domenica 10 agosto, ore 21,30, Piazza San Nicola concerto di Federico Sirianni

Deragliamenti: la storia 1998 Modena City Ramblers 1999 Vinicio Capossela 2000 Gian Maria Testa + Calic 2001 Piccola Orchestra Avion Travel + Chichimeca 2002 Giorgio Conte + Pippo Pollina + Valentina Gravili+Filomena Campus + Alberto Cabiddu ...salutare pausa di riflessione... 2005 Mirco Menna ...altra pausetta... 2008 Stefano Tessadri + Federico Sirianni
Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Agosto 2010 09:21