Home Ufficio Stampa Province: abolirle tutte o solo 4?
Province: abolirle tutte o solo 4? PDF Stampa
Mercoledì 27 Luglio 2011 09:36

 L'Idv si divide.

Il caso L'Italia dei valori lancia un nuovo gioco: facciamo a chi cancella più Province.

Il gruppo in Consiglio regionale propone di abolirne in Sardegna quattro su otto; gli organi di partito correggono gli onorevoli, e ricordano che l'obiettivo è eliminarle tutte.

La disparità di vedute tra i dipietristi sardi è emersa ieri, quando il capogruppo consiliare Adriano Salis ha presentato una proposta di legge per abolire le nuove Province. Il testo prevede che le funzioni degli enti di Olbia-Tempio, Carbonia-Iglesias, Ogliastra e Medio Campidano (operativi dal 2005) cessino col prossimo rinnovo elettorale dei Consigli provinciali di Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano, nel 2015.

 

Nelle ore successive all'annuncio di Salis è arrivata una doppia presa di distanze. Prima il coordinatore regionale Federico Palomba ha ricordato che «la linea nazionale dell'Idv prevede l'abolizione totale e non parziale».

 

E su questo binario ha deciso di muoversi nell'Isola il direttivo regionale. Poco dopo Palomba, è stato un comunicato dell'eurodeputato Giommaria Uggias a precisare - in riferimento esplicito alla proposta Salis - che il coordinamento regionale ha deciso proprio sabato scorso a Santa Giusta di presentare «una proposta di legge popolare che porti all'abolizione di tutte le province», pur col «mantenimento delle relative circoscrizioni elettorali».

 

 

Da: L'Unione Sarda del 27 Luglio 2011.