Home Ultime Aerei,
Aerei, PDF Stampa
Martedì 06 Settembre 2011 11:32
 la Regione proporrà la tariffa unica
CAGLIARI. Domani si terrà a Villa Devoto la conferenza di servizi per la continuità territoriale.
La Regione proporrà tariffa unica per residenti e non, e compensazioni su Roma e Milano per le compagnie aeree.
Lo annuncia Cappellacci che polemizza con Mauro Pili. Qualche giorno fa il presidente Cappellacci aveva polemizzato col deputato Pdl soprattutto per la tariffa unica, ieri l’ha fatto per le compensazioni che Mauro Pili ha definito illegittime (in quanto devono essere già comprese nel prezzo del biglietto per evitare di incorrere nel «reato» di aiuti di Stato).
Pili ha giudicato positivo il «cambio di rotta» sulla tariffa unica, ma ha ribadito che il meccanismo della nuova continuità aerea da e per la Sardegna deve essere «a costo zero sia per la Regione che per lo Stato». Cappellacci ha polemizzato ancora con l’ex presidente della Regione (del suo stesso partito): «Pili? Non l’ho mai sentito sulla sua porposta di continuità di cui leggo solo nei lanci delle agenzie di Stampa. Se si rivolgesse direttamente a me, sarei lieto di confrontarmi».
Nel merito, Cappellacci afferma: «I nostri tecnici ci dicono che sono necessarie compensazioni alle compagnie per gli oneri di servizio, ma ci sono problemi di risorse. Una volta valutate quelle necessarie a salvaguardare le due rotte principali, i collegamenti dalla Sardegna verso Roma e Milano, si potrà poi verificare cosa fare con le altre». Cappellacci ha annunciato di aver invitato Corsica e Sicilia a fare fronte comune con la Sardegna davanti all’Ue, le cui regole rischiano di «appesantire e di costituire pesanti limiti per i territori più deboli, che quindi devono fare sistema». Per questo il presidente ha scritto ai presidenti Raffaele Lombardo (Sicilia) e Paul Giacobbi (Corsica) per avviare «un ragionamento comune e fare massa critica a livello comunitario per ottenere condizioni migliori».
Una posizione che in Consiglio regionale era stata portata avanti da Franco Cuccureddu.