Home Ultime Il mio comune a rischio?
Il mio comune a rischio? PDF Stampa
Lunedì 10 Ottobre 2011 07:11

 Non lo sapevo

 

 
ORISTANO
 
 
Casca dalle nuvole il sindaco di San Nicolò Arcidano quando legge il nome del proprio Comune nell’elenco di quelli dove la Regione ritiene urgente intervenire con la disinfestazione anti zanzare, come misura contro la Febbre del Nilo.
«L’ho appreso dal sito della Nuova, non sapevo nulla». Prudenza, innanzitutto.
Che però non vuol dire nascondere lo stupore: «È vero, il nostro territorio ha una presenza di aree dove le zanzare proliferano, ma non mi pare che la situazione sia peggiore rispetto a quella di altri centri che non sono compresi nell’elenco della Regione».
Probabilmente la Giunta è in possesso di dati che né il Comune di San Nicolò Arcidano né la Provincia di Oristano hanno avuto: «La cosa mi è totalmente nuova, ora cercherò di capirne di più.
Oggi c’è il vertice a Cagliari, vedremo cosa ci diranno. Di certo non abbiamo avuto né documenti né comunicazioni ufficiali». Forse la novità inattesa è legata a qualcosa che è stato accertato nelle ultime ore: «Come autorità locale non sappiamo il perché del provvedimento della Regione. Avrei potuto capire se fosse stato deciso di includere San Nicolò Arcidano sulla base dei casi registrati, ma non mi risulta che qui siano stati segnalati episodi di contagio.
Quindi mi chiedo, e chiederemo, quali sono stati i criteri che hanno portato a questa scelta». «Non so se la Asl abbia riscontrato dei casi - dice ancora Cera -. Di sicuro non ce li ha segnalati, ma non credo abbia l’obbligo di farlo».
Nei giorni scorsi Emanuele Cera, nella veste di assessore provinciale all’Ambiente, aveva disposto delle disinfestazioni straordinarie: «L’allerta è massima - dice Cera - e la disinfestazione, normalmente effettuata nelle zone a maggiore concentrazione di zanzare come zone umide, canali di irrigazione, risaie, focolai urbani, oggi con priorità assoluta viene effettuata nel territorio a maggiore concentrazione di scuderie e aziende dove sono stati segnalati casi sospetti o accertati di cavalli malati».
Per le operazioni disposte per conto della Provincia, è partito dall’elenco della Asl sulle aziende colpite. Ecco lo stupore nel vedere che San Nicolò Arcidano, che non era in quell’elenco, figura tra le aree scelte dalla Regione.
La Nuova Sardegna