Home Ultime Gestioni autonome sul bonus progetti
Gestioni autonome sul bonus progetti PDF Stampa
Venerdì 06 Agosto 2010 08:51

La riduzione dal 2 allo 0,5% dell'incentivo non può essere utilizzata come scusa dai dipendenti degli uffici tecnici per non svolgere più le attività di progettazione. Lo ha spiegato il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta rispondendo a un'interrogazione in cui ha ripercorso le vicende collegate all'incentivo (peraltro non ancora concluse, visto che nel collegato lavoro ancora in discussione si è riaffacciata l'ipotesi di riportarlo al 2%). Il ministro ha ribadito che gli enti locali non devono versare il risparmio dell'1,5% alle casse dello Stato per espressa previsione normativa. Ma qui c'è la svolta, perché dalla risposta appare che l'ente abbia autonomia nel decidere come destinare il risparmio. Fino a ora si pensava che solo lo 0,5% fosse stanziabile dagli enti; ora sembra invece che si debba comunque prevedere il 2% nel quadro economico dell'opera, ma che le autonomie territoriali possano decidere come usare il risparmio. Tutto ciò però rischia di non trovare d'accordo anche la Cassa depositi e prestiti che, nella con-cessione di un mutuo per un'opera pubblica, ha introdotto una nuova dichiarazione che solo lo 0,5% è destinato a progettazione interna. Il ministro si è soffermato poi su presunti «effetti disincentivanti» che il taglio della percentuale avrebbe portato sulla produttività degli uffici tecnici. È bastato richiamare l'articolo 90, comma 6, del Codice dei contratti per sottolineare che la progettazione da parte degli uffici tecnici interni è la via prioritaria per realizzare le opere. E infatti possibile ricorrere a soggetti esterni solo «in caso di carenza di organico di personale tecnico, o di difficoltà di rispettare i tempi della programmazione dei lavori o di svolgere le funzioni di istituto, o in caso di lavori di speciale complessità o di rilevanza architettonica o ambientale o in caso di necessità di predisporre progetti integrali». Insomma, non è la riduzione di percentuale che può far scegliere di appaltare fasi della progettazione, ma altri problemi di natura organizzativa.

L'articolo di Gianluca Bertagna pubblicato da Il Sole 24Ore è inserito nella Rassegna Stampa presente nell'area Ufficio Stampa.