Home Ultime Reperibilità, nuovi orari
Reperibilità, nuovi orari PDF Stampa
Venerdì 06 Agosto 2010 08:52

I dipendenti pubblici devono rimanere a casa propria dalle nove alle tredici e dalle quindici alle diciotto di tutti i giorni, festivi e non lavorativi inclusi, per essere sottoposti in caso di malattia alle visite mediche di controllo, che ogni amministrazione è tenuta a disporre anche per un giorno solo. Ma l'obbligo di reperibilità vale fino alla data di svolgimento della visita fiscale. Dopo l'accertamento, il dipendente è libero di entrare e uscire dalla propria abitazione quando vuole, senza incorrere in sanzioni. Questo è uno dei casi, previsti dal d.p.c.m. 18 dicembre 2009, n. 206 (decreto Brunetta), di esonero dall'obbligo di reperibilità. Gli altri casi di esclusione riguardano i dipendenti pubblici la cui assenza sia legata a patologie gravi che richiedono terapie salvavita, infortuni sul lavoro, malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio, stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta. Le nuove fasce di reperibilità decorrono dal 4 febbraio prossimo. Il ministro per la funzione pubblica Renato Brunetta è stato autorizzato a definire nuove fasce di reperibilità dall'art. 55-septies del d.l.vo 30 marzo 2001, n. 165. Restano in vigore le eccezioni previste dal contratto scuola, non abrogate o compatibili con il decreto. In particolare: il controllo non deve essere disposto se il dipendente è ricoverato in strutture ospedaliere, pubbliche o private. Se il dipendente durante l'assenza si trova a un indirizzo diverso dal solito, lo deve comunicare alla propria scuola. Qualora debba allontanarsi, durante le fasce di reperibilità, per visite mediche, prestazioni o accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi, è tenuto a darne preventiva comunicazione. Nei confronti del personale, infine, che non si sia fatto trovare al proprio domicilio o si sia rifiutato di sottoporsi al controllo medico, deve essere attivato un procedimento disciplinare.

L'articolo di Mario D'Adamo pubblicato da Italia Oggi è inserito nella Rassegna Stampa presente nell'area Ufficio Stampa.