Home Ultime Economia: Gasdotto,
Economia: Gasdotto, PDF Stampa
Giovedì 22 Dicembre 2011 12:54

è l’ora della verità

 

 

Vertice dal ministro, parte l’iter

 

LA DECISIONE OLBIA
Oggi è il giorno della verità per il gasdotto che taglia in due la Sardegna.
L’appuntamento è a Roma, nella sede del ministero dello Sviluppo economico. Intorno al tavolo Comuni, Province, Regioni, oltre 100 enti interessati al progetto. La conferenza di servizi è il passo finale, l’ultimo ostacolo per dare il via libera al progetto Galsi, il gasdotto lungo 285 chilometri che porterà il metano dall’Algeria alla penisola.
Ma passerà in Sardegna. Approdo a Porto Botte e uscita a Olbia. Dopo la conferenza di servizi e quella Stato-Regioni, il ministero dello Sviluppo economico potrà rilasciare l’autorizzazioneper la costruzione del gasdotto.
L’iter per avere il via libera è cominciato nel 2008. Tra i rappresentati ci sarà anche il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli.
 Nelle sue mani l’impresa impossibile: tentare di fermare il gigante Galsi. Convincere la multinazionale del metano a trasferire la centrale di pompaggio dalla zona di Venafiorita in cui la società ha deciso di farla sorgere. «Io porterò la delibera del consiglio comunale che ha detto no alla costruzione della stazione a Venafiorita - ha riferito Giovannelli - ho anche le motivazioni di tipo urbanistico».
La Nuova Sardegna