Home Ufficio Stampa Gianfranco Ganau eletto presidente del Consiglio delle Autonomie locali
Gianfranco Ganau eletto presidente del Consiglio delle Autonomie locali PDF Stampa
Martedì 03 Aprile 2012 07:57
Ganau presidente delle Autonomie locali
Il sindaco di Sassari chiamato al vertice dell’organismo di confronto con il consiglio regionale
il neo eletto Le prime battaglie riguarderanno i vincoli del Patto di stabilità e il riassetto istituzionale dei piccoli Comuni e delle Province
Il sindaco di Sassari Gianfranco Ganau è il nuovo presidente del Consiglio delle Autonomie locali. È stato eletto con 33 voti, all’unanimità, durante l’assemblea che si è tenuta ieri mattina a Oristano. «Il Consiglio deve rivendicare il proprio ruolo di organismo di confronto con il consiglio regionale, soprattutto sui problemi degli enti locali», ha detto Ganau nel suo primo intervento, sottolineando che il “Cal” non può essere un semplice «parerificio». Il Consiglio delle Autonomie locali è stato istituito sette anni fa, ed è un organo di rappresentanza autonoma e unitaria degli enti locali della Sardegna per lo studio, l’informazione, il confronto, il coordinamento e la proposta in materia di enti locali. L’organismo politico, inoltre, partecipa al procedimento di formazione delle leggi e degli atti di programmazione regionale, propone alla giunta di promuovere questioni di legittimità costituzionale su atti legislativi dello Stato ritenuti lesivi delle prerogative delle autonomie locali e partecipa, attraverso propri rappresentanti, alla Conferenza permanente Regione-enti locali. «Il Cal fa quindi anche proposte proprie - ha affermato Gianfranco Ganau -. Una delle battaglie che sicuramente ci impegnerà in prima istanza, insieme ad Anci e Ups, è quella relativa ai vincoli del Patto di stabilità: bisogna aprire subito un confronto per alleggerire il peso del Patto che mette in difficoltà Comuni e Province nel loro compito di amministratori. L’altro importante confronto dovrà riguardare il riassetto istituzionale dei piccoli comuni e delle province». Insomma, organo consultivo ma non “fabbrica di pareri”, come ha precisato il sindaco di Nuoro Alessandro Bianchi che ha voluto sottolineare come «l’elezione condivisa e autorevole è un’occasione per voltare pagina e poter affrontare insieme i problemi comuni di tutti gli enti locali, prescindendo dal colore politico dell’amministrazione». L’elezione di Ganau chiude anche un periodo di contestazioni all’interno dell’organismo, tanto che Bianchi ha ribadito che oggi «superiamo la ruggine e lavoriamo insieme». Altre attestazioni di stima verso il neo eletto sono arrivate da parte del sindaco di Cagliari Massimo Zedda e della presidente della Provincia di Sassari, Alessandra Giudici. «L’elezione di Ganau avviene in un momento di crisi acuta del sistema istituzionale sardo – ha dichiarato il presidente della Provincia di Nuoro e dell’Ups, Roberto Deriu –. Le province si augurano che il consiglio regionale voglia instaurare col sistema degli enti locali, e in particolare con il suo nuovo presidente, una migliore relazione a vantaggio di tutti». Ganau succede a Mauro Contini (Pdl), vicepresidente vicario che ha retto il Consiglio dopo la decadenza del presidente Graziano Milia (Pd).
LA NUOVA SARDEGNA SABATO 31 MARZO 2012 Vannalisa Manca SASSARI RIPRODUZIONE RISERVATA