Home Ultime Entro il 31 marzo attestato sui bilanci
Entro il 31 marzo attestato sui bilanci PDF Stampa
Venerdì 06 Agosto 2010 09:10

Poco più di tre settimane di tempo per province e comuni sopra i 5mila abitanti per certificare al ministero dell'Economia di aver rispettato il patto di stabilità nel 2009. La Ragioneria generale ha diffuso ieri il decreto con il modello di certificazione, che gli enti devono compilare e inviare tramite il sistema telematico entro il 31 marzo. Il termine, ricorda la Ragioneria generale, è perentorio, e chi non arriverà in tempo sarà considerato a tutti gli effetti inadempiente e incapperà nel pacchetto di sanzioni introdotto dalla manovra dell'estate 2008 e aggiornato da ultimo con il decreto anticrisi del luglio 2009 (Dl 78/2009): taglio dei trasferimenti statali, riduzione della spesa corrente al minimo registrato nell'ultimo triennio, sforbiciata del 30% alle indennità dei politici locali e divieto di ricorrere all'indebitamento. Per tagliare i tempi, il sistema informatico utilizzerà i dati inviati dagli enti locali per il monitoraggio in corso d'opera: acquisendo il modello, quindi, l'ente se lo troverà compilato in via automatica dal sistema; agli operatori toccano naturalmente le operazioni di controllo, che per essere considerate valide dall'Economia dovranno essere accompagnate dalla doppia firma da parte del rappresentante legale e del responsabile del servizio finanziario. Un prospetto a sé è dedicato al meccanismo della «premialità», chiamato a individuare i comuni e le province a cui ridistribuire una parte dell'eventuale extraperformance ottenuta dal comparto. Per compilarlo, gli enti dovranno trarre dal consuntivo 2009 i dati su entrate tributarie, extratributarie e sul complesso delle entrate correnti, mentre sul versante delle spese rilevano quelle per il personale, per il rimborso prestiti e per gli interessi passivi.

L'articolo di Gianni Trovati ubblicato da Il Sole 24Ore è inserito nella Rassegna Stampa presente nell'area Ufficio Stampa.