Home Corte dei Conti PARERE 96/2012 - LIMITI DI SPESA PER IL PERSONALE - SENTENZA TAR DI ANNULLAMENTO CONCORSO PUBBLICO - RISPETTO DEI VINCOLI DI SPESA
PARERE 96/2012 - LIMITI DI SPESA PER IL PERSONALE - SENTENZA TAR DI ANNULLAMENTO CONCORSO PUBBLICO - RISPETTO DEI VINCOLI DI SPESA PDF Stampa

 

 

La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna della Corte dei Conti ha ancora una volta ribadito la forza vincolante dei limiti di spesa per il personale che impone alle amministrazioni non soltanto il rispetto della disciplina finanziaria ma anche l'obbligo di ricondurre la spesa nei limiti imposti dall'ordinamento  in caso di supermento degli stessi.

E' quanto espresso con la deliberazione 96 del 2012 che dirime un quesito su un supposto conflitto fra la disciplina di rigore finanziario dell'Ente e l'interesse sostanziale alla effettività della tutela giusdizionale del ricorrente in caso di annullamento della procedura concorsuale per l'assunzione di una figura professionale.

Chiariscono i giudici contabili che "per pacifica interpretazione giurisprudenziale l'intervento di una sentenza di annullamento di una procedura di concorso pubblico semplicemente impone all'ente di ripetere una procedura di gara, ma non attribuisce alcun diritto soggettivo all'assunzione (con ciò chiarendosi che non esiste alcuna possibilità di violazione dell'art. 24 Cost., tanto più nell'esistenza dell'eventuale strumento risarcitorio in favore del ricorrente) a maggior ragione l'Entesarà chiamato a ponderare le iniziative da adottare per dar seguito ai propri obblighi di conformazione ai vincoli disposti dalle leggi finanziarie , a fronte dei quali esistono specifiche responsabilità di carattere gestionale e contabile, qualora il loro mancato rispetto sia accertato nei modi di legge."  

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Gennaio 2013 10:59