Home Corte dei Conti Enti soggetti al patto di stabilità dal 2013 e riduzione della spesa di personale
Enti soggetti al patto di stabilità dal 2013 e riduzione della spesa di personale PDF Stampa

 

La Corte dei Conti, sezione regionale Veneto, con la deliberazione n. 97/2013/PAR del 16 aprile 2013, risponde al Comune di Agna che chiede:

"... in merito alla possibilità di computare, all'interno della spesa di personale relativa all'anno 2012, ai soli fini del disposto di cui all'art. 1, comma 557, della legge 27/12/2006, n. 296, indipendentemente dall'assunzione di un impegno contabile, la spesa annualmente riferibile al trattamento economico del nuovo segretario comunale titolare dell'ente...". Il Segretario era cessato, nel corso dell'anno 2012, per collocamento a riposo, sostituito a dicembre.

La sezione motiva e conclude, come segue:

- l'ente istante intende chiarire se sia possibile evitare che la riduzione della spesa complessiva del personale sostenuta nel 2012 determini, nel confronto con quella dell'anno 2013, la violazione del vincolo imposto dall'art. 1, comma 557, legge 296/2006 (cui risulta sottoposto a decorrere dal 2013);

- la spesa relativa al Segretario comunale è sicuramente annoverabile a tutti gli effetti nella spesa di personale;

- è condivisa la considerazione che la programmazione di nuove assunzioni con avvio delle relative procedure determina un "effetto prenotativo" nello stesso anno sulle relative somme, ai soli fini dell'art. 1, comma 557 citato (sezione regionale di controllo per la Basilicata, delibera n. 2 del 23 febbraio 2012; sezione regionale di controllo per la Campania, deliberazione n. 253/2012/PAR);

- la spesa per il Segretario oltre a derivare da fatti contingenti, scaturisce anche da molteplici fattori legati al procedimento di scelta e nomina - spesso indipendenti dalla volontà dell'ente;

- il suddetto "principio di diritto volto alla prenotazione dell'impegno di spesa ... risulta pienamente in linea con la ratio della normativa di riferimento, anche nell'ipotesi della spesa del Segretario comunale";

- l'ente deve, comunque, adottare tutte le possibili forme organizzative che consentono il rispetto del contenimento della spesa di personale, in primo luogo "cercando una forma di collaborazione del segretario comunale che contenga per quanto è possibile la spesa eventualmente riducendo altre spese di personale (delibera Sez. Lombardia, n. 1047 del 13.11.2010)"