Home Ultime Aerei: Sardegna-Penisola, deserto primo avviso rotte minori Scatta seconda fase, bando gara non prima di estate 2014
Aerei: Sardegna-Penisola, deserto primo avviso rotte minori Scatta seconda fase, bando gara non prima di estate 2014 PDF Stampa
Martedì 12 Novembre 2013 16:17
Si entra nella seconda fase della gara per assegnare i collegamenti aerei tra la Sardegna, con gli aeroporti di Cagliari, Olbia e Alghero, e gli scali della Penisola cosiddetti minori, Bologna, Torino, Verona e Napoli. E' infatti andato deserto - il termine è scaduto a mezzanotte - l'avviso per le compagnie interessate a coprire il servizio senza compensazioni economiche. Ora interverrà la Regione che mette sul piatto circa 14 milioni di euro tra nuovi stanziamenti e risparmi sul bando principale della continuità territoriale, quello che ha già assegnato i voli su Roma e Milano ad Alitalia, Meridiana e New Livingston. Le risorse pubbliche serviranno per compensare i minori ricavi dei vettori nei periodi di bassa stagione. La proposta della Regione dovrà essere inviata al ministero dei Trasporti che dovrà poi emanare il decreto con l'imposizione degli oneri, condizione per l'avvio del bando. Se tutti i tempi saranno rispettati è possibile che la gara si svolga tra la primavera e l'estate 2014 e che i voli verso gli aeroporti minori a tariffe agevolate possano essere assegnati a partire dalla prossima stagione aeronautica estiva. Nella fase transitoria i collegamenti tra Cagliari e gli scali di Bologna, Torino, Napoli e Verona e quelli tra Olbia con Torino, Verona e Bologna continueranno ad essere operati da Meridiana, che ha già dato la sua disponibilità a proseguire nel servizio senza compensazioni economiche. Per ora non sembra che Alitalia e New Livingston siano interessate ad essere della partita prima della pubblicazione del bando. La conferenza dei servizi ha iniziato circa 10 giorni fa il suo lavoro esplorativo per delineare i criteri dei collegamenti con oneri di servizio pubblico e nei prossimi 60 giorni dovrà completare il confronto iniziato con Enac e ministero dei Trasporti per arrivare a precisare le tariffe agevolate, le rotte, le frequenze, i velivoli necessari per ciascuna tratta e le altre modalità di espletamento del servizio. (ANSA).