Home Ultime Province:Upi;nel 2014 taglio bilanci 3 mld,servizi a rischio
Province:Upi;nel 2014 taglio bilanci 3 mld,servizi a rischio PDF Stampa
Giovedì 09 Gennaio 2014 16:26

"Mentre la politica continua a discettare di improbabili risparmi dalla riforma delle Province, i bilanci di questi enti per il 2014, sommando 1,2 miliardi di taglio e 1,780 miliardi di patto di stabilità saranno ridotti per quasi 3 miliardi.

Qui non c'è nessun intento riformatore: si stanno chiudendo servizi essenziali e si stanno privando i cittadini di diritti inalienabili, dal diritto a vivere in scuole sicure a quello di avere strade agibili". Lo dichiara il presidente dell'Upi, Antonio Saitta, evidenziando che "le tanto vituperate Province grazie alle scelte responsabili degli amministratori eletti, nel 2013 hanno ridotto la loro spesa corrente del 10%". Lo stesso, aggiunge il leader delle Province, "non è accaduto alle altre istituzioni locali, come emerge con chiarezza dai dati riportati dal Siope del Ministero dell'Economia, dove risulta che, mentre negli ultimi 3 anni le Province hanno risparmiato il 13% della spesa corrente, i Comuni si sono fermati all'1%. Proprio questi Comuni, se la riforma del Governo andrà in porto, avranno dal prossimo anno il compito di garantire la sicurezza e la manutenzione di oltre 5000 edifici scolastici, mentre ai sindaci e ai consiglieri comunali nominati nelle Province spetterà di dividere i bilanci per assicurare la sicurezza di oltre di 130 mila chilometri di strade. Con 1,2 miliardi di tagli e con il blocco degli investimenti dovuto ad un obiettivo di patto di oltre 1,7 miliardi - conclude Saitta - quello che si chiuderà non sono le Province ma i servizi essenziali per i cittadini. Chiediamo al Parlamento, che sta in queste ore discutendo del decreto legge sugli enti locali, di preoccuparsi anche di questi servizi, riducendo il taglio di 1,2 miliardi ai bilanci delle Province e inserendo norme che permettano l'esclusione dal patto di stabilità degli investimenti in opere per la sicurezza dei cittadini".(ANSA).