Home Ultime Lavoro: intesa per avviare ammortizzatori sociali in deroga. Siglata fra Regione, Cgil-Cisl-Uil, imprese e autonomie locali
Lavoro: intesa per avviare ammortizzatori sociali in deroga. Siglata fra Regione, Cgil-Cisl-Uil, imprese e autonomie locali PDF Stampa
Mercoledì 29 Gennaio 2014 18:04

Sottoscritta questa mattina l'intesa fra Assessorato regionale del Lavoro, Sistema delle imprese, Autonomie locali e Sindacati regionali per attivare le procedure inerenti agli ammortizzatori sociali in deroga per il 2014.

"Si sblocca finalmente per il mondo del lavoro sardo - hanno dichiarato Cgil, Cisl e Uil, in una nota congiunta - una fase delicata che, nei prossimi giorni, consentirà l'avvio delle procedure per ottenere l'assegno Cig mobilità in deroga e far arrivare ai lavoratori aventi diritto la quota spettante, purtroppo esigua, dei 17 milioni di euro attribuiti la scorsa settimana dal Governo alla Regione". Dal prossimo 14 febbraio i lavoratori e le imprese aventi diritto potranno inoltrare le domande al Sil (Servizio informazione lavoro) per ottenere il riconoscimento del sussidio che, da quest'anno, sarà pagato mensilmente sino a giugno 2014, con una procedura eventualmente prorogabile a fine dell'anno. Con questo sistema si eviterà il ripetersi degli inconvenienti del 2013, con ricadute sul 2014. Infatti, un certo numero di lavoratori l'anno scorso ha potuto incassare il dovuto mentre circa 15 mila degli aventi diritto ancora oggi non hanno ricevuto nemmeno un euro. A giudizio del sindacato "l'accordo rappresenta un passo importante che potrà alleviare i disagi di numerose famiglie. Cgil, Cisl e Uil attendono dalla Regione risposte almeno su due questioni: garanzia delle risorse per tutto il 2014, condizione irrinunciabile per il sindacato sardo; e saldo 2013, perché la convenzione per spendere 52 milioni di euro di competenza regionale non è stata ancora firmata, mentre si attende che il governo, come da impegno dello scorso novembre, trasferisca alla Sardegna 127 mln importo necessario per soddisfare le attese di oltre 15 mila lavoratori che da gennaio 2013 non hanno ancora percepito alcuna indennità". (ANSA).