Home
ANCI e CAL su questione pastori PDF Stampa

 

 

Questione Pastori: Comunicazione congiunta di ANCI Sardegna e Consiglio delle Autonomie Locali

 

Il Presidente di Anci Sardegna Emiliano Deiana e il Presidente del Cal Andrea Soddu esprimono soddisfazione per il lavoro effettuato dalla Giunta Regionale e dai Capigruppo di maggioranza per il recupero delle risorse (35 milioni) a favore del mondo agropoastorale piagato dalla crisi del prezzo del latte e dalla siccità.

L'auspicio è che il contributo straordinario rappresenti davvero i prodromi per una riforma di sistema del comparto agricolo e pastorale della Sardegna che tolga i pastori dalle secche della crisi.

 

Per quanto riguarda il contributo dei Comuni per il comparto agripastorale e zootecnico esso è già nei fatti: annualmente i comuni intervengono sulla viabilità rurale, sulle risorse idriche, sulle attività di promozione delle produzioni locali, sull'organizzazione di una filiera a km zero per quanto concerne le mense scolastiche. I comuni contribuiscono in maniera fortissima alle varie spending review (dichiarate incostituzionali dalla Corte) con un taglio netto fra il 2009 e il 2014 di oltre 300 milioni di euro annui. Aspettiamo che la Regione si schieri al nostro fianco per recuperare questo taglio che potrà essere destinato alle politiche di sviluppo anche del comparto agricolo.

 

I sindaci, in realtà, hanno contribuito anche a far sfociare democraticamente la manifestazione di un settore decisivo per lo sviluppo e la tenuta sociale della Sardegna. I comuni sardi chiedono un'accelerazione nella spendita delle risorse del Psr che tante aspettative hanno creato in particolare sui nuovi insediamenti; chiedono che i fondi del Psr possano integrare il lavoro della Programmazione Territoriale (Misura 5.8) con una modifica dei Programmi Operativi la cui modifica andrebbe trattata con la Commissione Europea; chiedono un aumento - fino ai massimali previsti dalle regole europee - dei fondi dei Gruppi di Azione Locale ancora fermi al palo per i ritardi nelle procedure; chiedono l'approvazione di una Legge Quadro che definisca programmaticamente la funzione sociale del lavoro delle campagne anche in relazione al fenomeno dei cambiamenti climatici e della desertificazione umana e sociale delle aree interne della Sardegna; chiedono che vengano immediatamente programmati i 150 milioni per le aree interne individuati all'interno del Patto per la Sardegna.

 

Emiliano Deiana
Andrea Soddu

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Agosto 2017 12:20