Home
COMUNICATO ANCI SARDEGNA - CAL SU MANOVRA DI BILANCIO 2019-21 PDF Stampa
logocal_sardegna
Ieri mattina le rappresentanze unitarie di Anci Sardegna e Consiglio delle Autonomie Locali hanno incontrato l’Assessore Regionale al Bilancio Raffaele Paci che ha illustrato le linee essenziali della manovra finanziari 2019-21.
Anci Sardegna e CAL hanno appreso con soddisfazione le intenzioni di confermare le poste di bilancio sugli interventi di carattere sociale (Reis) e sul lavoro (Lavoras) per complessivi 90 milioni di euro: i due interventi rappresentano interventi contro il disagio e per il reinserimento lavorativo che sono gestiti direttamente dai comuni.
Grande importanza riveste l’intervento triennale che consentirà di completare tutto il percorso della Programmazione Territoriale per tutti i territori della Sardegna: un intervento per lo sviluppo (75 milioni nel triennio) anche questi gestiti direttamente dai comuni attraverso le Unioni di Comuni consorziate fra loro.
La conferma della posta di bilancio sul Fondo Unico con un lieve incremento di soli 5 milioni a favore delle Province e della Città Metropolitana appare, invece, contraria agli orientamenti di questa manovra e pertanto Anci Sardegna e CAL chiederanno al Consiglio Regionale di aumentare gli stanziamenti a favore dei comuni già vessati da tagli imponenti sulle spese correnti da parte dello Stato.
Anci Sardegna e CAL hanno proposto alla Giunta e faranno analoga proposta alle Commissioni I e III del Consiglio Regionale non solo di rifuggire la pratica degli “interventi puntuali” in voga nella passata legislatura ma di aprire una stagione nuova sul versante della lotta allo spopolamento e alla denatalità: si propone un piano straordinario decennale da monitorare ogni anno che metta al centro le politiche per le famiglie e di contrasto allo spopolamento che affianchino gli interventi sullo sviluppo e l’occupazione previsti in finanziaria. I circa 50/55 milioni disponibili vadano a finanziare un piano straordinario contro la denatalità in Sardegna e per lo sviluppo del suo futuro.
Anci Sardegna e CAL hanno quindi espresso soddisfazione per le integrazioni delle somme per le leggi di settore sociale (15 milioni) già dall’assestamento di Bilancio che saranno confermate a regime nel triennio successivo per soddisfare il fabbisogno in attesa di una riforma completa delle leggi di settore.
Anci Sardegna e CAL hanno altresì viste accolte le richieste dei comuni in difficoltà per i debiti fuori bilancio per espropri con sentenze passate in giudicato: i 50 milioni necessari saranno interamente coperti nel triennio e saranno una boccata d’ossigeno per i comuni in difficoltà finanziaria.
Spetta infine al Consiglio Regionale approvare un regolamento sullo status degli amministratori locali già all’attenzione della I Commissione del Consiglio Regionale per un equo compenso di funzione per sindaci, assessori e consiglieri comunali.
Adesso la partita si sposta in Consiglio Regionale per un confronto con tutte le forze politiche che, ci si augura, vorranno concorrere a una manovra col segno della solidarietà verso i cittadini in difficoltà, le comunità locali e le politiche di contrasto allo spopolamento e alla desertificazione umana di tutta la Sardegna all’insegna dell’alleanza fra paesi e città.
Emiliano Deiana,  presidente di Anci Sardegna
Andrea Soddu, Presidente del Consiglio delle Autonomie Locali della Sardegna 
Ultimo aggiornamento Giovedì 04 Ottobre 2018 08:12