Home Ultime Low cost in Sardegna: falso risparmio.
Low cost in Sardegna: falso risparmio. PDF Stampa
Giovedì 23 Dicembre 2010 10:23

Sorpresa: i vettori “normali” sono più convenienti

  

 

La simulazione del viaggio di una famiglia da Cagliari a Milano.

 

 



È davvero così vantaggioso, in termini di costi, viaggiare con una compagnia low cost?

 

Proviamo a rispondere a questa domanda facendo una simulazione d'acquisto attraverso i siti internet di due vettori sempre in guerra tra di loro: Ryanair e Alitalia.

 

Una famiglia di due genitori e due bambini, che ha deciso di andare a Milano per Capodanno, partenza il 29 dicembre e rientro il 2 gennaio: con Ryanair (che arriva a Bergamo) si trova una tariffa di 44,99 euro per l'andata e 44,99 euro per il ritorno, più tasse: totale 148,24 euro a testa, che per quattro fa 588,96 euro. Il bagaglio non è compreso quindi, essendo inverno, almeno uno (in quattro) è indispensabile: 36 euro.

 

L'assegnazione dei posti non è prevista perciò non si può rischiare che i genitori siedano lontano dai figli: l'imbarco prioritario è dunque doveroso. Altri 36 euro. Bergamo non è Milano, che si raggiunge con un bus: 52 euro per tutti e quattro. Totale 716,96 euro, senza contare che, tra spostamenti vari, il viaggio durerà circa quattro ore.

 

Con Alitalia si trova, invece, una tariffa fissa di 157 euro a testa, leggermente superiore a Ryanair, e che per tutta la famiglia fa 628 euro. Alitalia però non chiede supplementi per il bagaglio, né l'imbarco prioritario perché assegna i posti al check in. Inoltre si atterra a Linate ed è sufficiente prendere il bus di linea, al costo di 1 euro a testa. Come si nota, non sempre le tariffe che appaiono più basse sono le migliori.

 

È consigliabile prestare attenzione a tutti i costi accessori non presenti nelle pubblicità, ma che durante il viaggio possono incidere pesantemente. 

 

 

Da: L'Unione Sarda del 23 dicembre 2010.