Home Ultime Un milione di euro dalla Regione per l’ippica sarda
Un milione di euro dalla Regione per l’ippica sarda PDF Stampa
Martedì 28 Dicembre 2010 09:42

Ozieri: chi fa da sé fa per tutta l’ippica sarda

 

In attesa che le istanze del comparto isolano, un’industria che in via diretta e con l’indotto coinvolge migliaia di famiglie, vengano raccolte a livello nazionale dall’Unire, la Regione sarda fa la sua parte e procede nel piano di rilancio.

 

Ieri la giunta regionale, su proposta dell’assessore dell’Agricoltura Andrea Prato, ha approvato per il biennio 2011-2012, lo stanziamento straordinario di 924mila euro.

 

I fondi vanno all’agenzia Agris che, attraverso il suo Dipartimento di incremento ippico di Ozieri, tornato al ruolo guida dell’intero comparto, «e in piena condivisione con gli ippodromi sardi» - si legge in una nota -, attuerà un piano di rilancio a 360 gradi di tutte le discipline di cui la Sardegna va fiera da oltre 100 anni».

 

Il piano dettagliato sarà discusso a breve, nuovamente a Ozieri, dal gruppo di lavoro definito negli stati generali dello scorso 15 dicembre e presentato nel mese di gennaio agli stati generali riuniti in assemblea.

 

“Un anno dopo l’appello rivoltomi dal mondo allevatoriale per affrontare le criticità del settore - ha detto l’assessore Prato - lo scenario è cambiato in positivo e il comparto equino può adesso proseguire nella strada di un completo rilancio della filiera che riaffermi la storia, la forte tradizione e la naturale vocazione della Sardegna per l’allevamento del cavallo”.

 

Soddisfazione è stata espressa anche dal Commissario dell’Agris, Efisio Floris, che ha sottolineato l’importanza di un provvedimento “che arriva in un momento di crisi dell’Unire e offre una prima risposta concreta alle richieste delle migliaia di allevatori - si legge sempre nella nota diramata dalla Regione -, molti dei quali operano anche nel comparto ovi-caprino rafforzando quella multifunzionalità su cui punta tutto il mondo agropastorale”.

 

 

 

Da: La Nuova Sardegna - Politica, del 28.12.2010.