Home Corte dei Conti
Corte dei Conti
PARERE CORTE DEI CONTI N. 5 -2011 PDF Stampa

 

In merito alla determinazione del prezzo del corrispettivo da pagare all'amministrazione comunale per la "trasformazione" del diritto di superficie in diritto di piena proprietà per i proprietari di abitazioni edificate nei piani di zona ovvero,  nel consolidamento della piena proprietà in capo al proprietario superficiario,  la sezione della Corte dei Conti per la Regione Sardegna ha sospeso il giudizio in attesa di un pronunciamento per il deferimento alle Sezioni Riunite.

Il giudice contabile ha ricostruito l'evoluzione normativa e giurisprudenziale in materia ma ha dovuto prendere atto che la sedimentazione della disciplina ha lasciato residui d'incertezza risolte in maniera difforme dalle diverse sezioni regionali. 

Non rimane che attendere l'autorevole e definitivo parere su una materia che per gli enti locali della Sardegna assume grande importanza per reperire entrate altrimenti ridotte al lumicino. 

 

 

deliberazione n. 5/2011

Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Maggio 2011 11:31
 
PARERI CORTE DEI CONTI N. 3 e 4-2011 - MOBILITA' VOLONTARIA E VINCOLI DI SPESA PER IL PERSONALE PDF Stampa

A seguito della pronuncia delle Sezioni Riunite, la sezione regionale della Corte dei Conti dà risposta ai  quesiti degli enti non soggetti al patto di stabilità sulla possibilità di copertura, mediante selezione pubblica, mobilità da altro ente, convenzione tra enti o con l'applicazione dell'art. 110 del TUEL, del posto in pianta organica rimasto scoperto a seguito di concessione dell'autorizzazione alla mobilità e conseguente trasferimento ad altro ente di un proprio dipendente.

Le Sezioni Riunite affermano che le cessioni per mobilità volontaria possono essere considerate equiparabili a quelle intervenute per collocamento a riposo nelle sole ipotesi in cui l'ente ricevente non sia a sua volta sottoposta a vincoli assunzionali.

I pareri conformi del giudice contabile regionale consentono la copertura del posto in organico, vacante per mobilità, esclusivamente mediante il ricorso ad istituti giuridici che non determino nuovi ingressi di lavoratori rispetto al numero complessivo di lavoratori degli enti sottoposti a limiti assunzionale. Si ammette pertanto la copertura attraverso la mobilità da altro ente, ma non nuove assunzioni. Ovviamente devono essere in ogni caso rispettati i limiti del tetto di spesa per il personale.

 

deliberazione n. 4/2011

 

deliberazione n. 3/2011

 

deliberazione n. 75/2011

 

deliberazione n. 70/2011

 

deliberazione sez. riun. n. 59/contr/10

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Febbraio 2011 11:48
 
PARERE CORTE DEI CONTI N. 2 - 2011 PDF Stampa

Approvato il parere n. 2 del 2011 in merito alla mobilità volontaria quale ipotesi di cessazione ai fini del calcolo del turnover.

la sezione della Corte dei Conti per la Regione Sardegna chiude il contrasto giurisprudenziale rispetto alle altre sezioni ed afferma che la mobilità configura un ulteriore prodromica possibilità di reclutamento in deroga ai limiti normativamente previsti  

scarica il parere

 
PARERE CORTE DEI CONTI 116/2010 PDF Stampa

In merito agli emolumenti percepibili dal Sindaco che riveste anche la carica di Consigliere provinciale

 e sui limiti della rimborsabilità delle spese di viaggio ed eventualmente di soggiorno, sostenute dagli amministratori locali

  scarica  la deliberazione  116/2010

 

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Febbraio 2011 12:18
Leggi tutto...
 
PARERE CORTE DEI CONTI N. 114/2010 IN MATERIA DI PERSONALE PDF Stampa

 

 

PARERE N. 114/2010 -  SPESE PER IL PERSONALE E INTERVENTI FINANZIARI REGIONALI

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Aprile 2011 07:57
 
DELIBERA N112/2010 PDF Stampa

 

 

 

 

Con deliberazione n. 112 del 2010 la Corte dei Conti si è occupata della questione relativa all’organizzazione ed al finanziamento del servizio di mensa scolastica erogata dai Comuni a favore della scuola dell’infanzia, di quella primaria e secondaria di primo grado, di cui all’articolo 112 del Testo Unico Enti Locali.

Dall’esame della normativa locale di riferimento, leggi regionali nn. 31/84 e 25/93, e da ultimo dall’art. 10 della legge reg. n. 2 del 2007 istitutiva del fondo unico, si evidenzia la piena autonomia dell’ente nell’utilizzo degli stanziamenti assegnati, pur sempre da esercitarsi per il perseguimento degli obiettivi assegnati dalle leggi i cui fondi sono confluiti nel fondo unico.

Rispetto alle modalità di concorso degli utenti nel corso dei servizi, i giudici contabili chiariscono che non possano esservi altri criteri diversi da quello delle fasce di reddito, mentre alcuna rilevanza può essere ascritta a quello di residenza che si risolverebbe in una “ingiustificata discriminazione”.

Infine, con riferimento agli alunni non residenti che tuttavia fruiscano del servizio di mensa, la Corte dei Conti ritiene che i rapporti debbano essere regolati tra i due Comuni imputando a quello di residenza il costo del servizio e a quello sul cui territorio è ubicata la scuola la competenza amministrativa, fatta sempre salva la possibilità dell’esercizio in forma associata dei servizi medesimi.

 

 

 

DELIBERA N112/2010 

 
PARERE N. 92 DEL 2010 PDF Stampa

 

 

 

 

 

Con deliberazione n. 92 del 2010 la Corte dei Conti si è espressa sulla assoggettabilità dei progetti dei lavori dei cantieri comunali finalizzati all’occupazione all’ambito di applicazione della legge regionale sarda n. 5 del 2007 in materia di appalti pubblici di lavori, forniture e servizi.

La Corte contabile esclude che la normativa di cui alla legge regionale n. 5 del 2007 possa trovare applicazione al di fuori della materia degli appalti pubblici. Da tale ambito esulano, infatti, i progetti dei cantieri di occupazione, mentre vi rientrano le modalità di acquisto dei materiali da parte del comune.

 

PARERE 92/2010

 
PARERE CORTE DEI CONTI N. 84/2010 PROGRESSIONI ECONOMICHE ORIZZONTALI PDF Stampa

Con deliberazione n. 84 del 15 ottobre 2010 la Corte dei Conti, Sezione di controllo per la Sardegna, si è occupata della questione relativa alle progressioni orizzontali di carriera. In particolare, il giudice contabile ha chiarito a quali condizioni sia possibile, nel corso del 2010, riconoscere progressioni orizzontali (ovvero economiche) al personale dipendente, per i decorsi anni 2008 e 2009 e quindi con riconoscimento economico retroattivo.

La materia è ora regolata dall’art. 22 del D.lgs. 150 del 2009, che stabilisce i criteri di selettività, la rilevazione e la valutazione dei risultati individuali, il finanziamento degli incrementi stipendiali deve gravare unicamente sulle risorse disponibili per la contrattazione integrativa. L’attuazione del,e intese che conducono al riconoscimento delle progressioni orizzontali deve in ogni caso salvaguardare il rispetto dei limiti di contenimento stabiliti per ciascun esercizio per la spesa per il personale.

Ne deriva, per quel che concerne le progressioni con effetto retroattivo, che un primo limite deriva proprio dall’impossibilità di misurare congruamente la performance, in assenza della predeterminazione dei criteri di valutazione. Un secondo limite discende dall’effetto de deriverebbe sulla complessiva quantificazione della spesa per il personale cui si era pervenuti per ciascun passato esercizio.

Sicché devono ritenersi operanti i contratti collettivi vigenti, nella specie CCNL del 31 marzo 1999 articoli 4 e 5 che regolano compiutamente il regime delle progressioni, alle cui condizioni sarà possibile dar corso alle progressioni economiche.

Peraltro la disamina più generale ed astratta delle "progressioni economiche e di carriera"  era stata già effettuata dalla Corte dei conti come ricavabile, rispettivamente, dalla pronuncia della Sezione della Autonomie del 31 marzo 2010 intervenuta in sede di coordinamento (deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/ QMIG) e dalla pronuncia della Sezione del controllo per la Sardegna n. 19/2010/PAR del 22 aprile 2010

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Marzo 2011 07:51
 
PARERE 3/2010 Corte dei Conti Regione Sardegna - Sezione Controllo. PDF Stampa

Con il parere n. 3 del 2010,

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Febbraio 2011 12:28
Leggi tutto...
 
PARERE 29/2009 CORTE DEI CONTI SARDEGNA PDF Stampa

PUBBLICATO IL PARERE 29/2009 DELLA SEZIONE DEL CONTROLLO DELLA REGIONE SARDEGNA IN RELAZIONE ALL'UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO UNICO.

Ultimo aggiornamento Venerdì 06 Agosto 2010 08:17
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 9